[Cc-it] Re: Una cosa da non "importare": il Commoners Club

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 25 Set 2004 06:57:03 EDT


bernardo parrella Scrive: 

> salve 
> 
> giusto per gettare un po' d'acquetta sul fuocherello: il Commoners Club e' 
> una cosa stratipicamente americana in senso buono, positivo, utile -- 
> davvero! 
> 
> il club, i "gradi" e quant'altro sono esattamente stimoli a donare $$, a 
> coinvolgersi, a sostenere la causa... robe simili, dalle t-shirt con "viva 
> me, abbasso te" alle spillette pro-candidati si fanno sempre e ovunque 
> qui, dalla high school alle presidenziali, passando per la EFF e CC e FSF 
> e quant'altri...poi e' vero che (giustamente) ogni gruppo raffina le 
> tecniche e le proposte rispetto al target che pensa o vuole raggiungere 
> 
> probabilmente non conviene esportare robe simili in italia, o meglio 
> diciamo che vanno aggiustate in base alle "usanze locali", ma non e' 
> affatto il caso di essere cosi' negativamente critici, really :)
> --  
> 
> thanks, ciao

Scusa Bernardo, ma io non vedo né il fuocherello né l'acquetta. :)
E ritengo che la critica sia sempre positiva: del resto, mi sembra che sia 
servita a fare chiarezza in lista sull'opportunità di utilizzare certi 
metodi. Inoltre, il post è intitolato "Una cosa da non importare: il 
Commoners Club": proprio per definire bene l'oggetto della critica ed 
evitare generalizzazioni. 

EFF e FSF non hanno un equivalente del Commoners Club: non vanno bene come 
americani tipo? Oppure sono poco raffinati? :) Durante le presidenziali, 
invece, non metto in dubbio che si faccia ricorso a cose del genere :D 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it