[Cc-it] Re: Una cosa da non "importare": il Commoners Club

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 24 Set 2004 22:26:50 EDT


pinna Scrive: 

> credo che si tratti solo di marketing applicato all'autofinanziamento di
> Creative Commons. mi pare che anche la Electronic Frontier Foundation
> faccia qualcosa di simile e sulla condotta della EFF non mi pare ci sia
> nulla da rimarcare. forse e' un approccio tipicamente statunitense alla
> raccolta fondi, non saprei. in ogni caso e' solo un altro modo di tirare
> su soldi: piuttosto, sarei rimasto stomacato da un banner pubblicitario 
> nel sito, cosa che infatti fortunatamente non fanno :)

Alla EFF non c'è l'equivalente del Commoners Club e viene specificato che i 
"gradi" sono semplici livelli di donazione: in queste differenze stanno le 
mie perplessità... non tutti i mezzi giustificano un fine, e questo lo sanno 
anche gli americani. :)

Quanto ai banners: se possono chiamarsi banners anche quelli più grandi del 
normale, che pubblicizzano in homepage prodotti sotto licenza CC e 
acquistabili on-line, direi che il banner c'è e che il Signor Dan Gillmor se 
ne compiace: ma la cosa non mi dà fastidio, perché è un modo per far vedere 
come sia possibile vendere anche con l'open content e sviluppare nuove 
strategie di mercato (è un obiettivo di CC, ribadito dallo stesso Lessing, e 
sarà molto interessante vedere se e come verrà realizzato). 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it