[Cc-it] Re: Una cosa da non "importare": il Commoners Club

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Ven 24 Set 2004 10:36:25 EDT


Nicola Alcide Grossi scrive:
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-September/001128.html
[...]
Sono rimasto un po' basito nel vedere questa pagina:
http://creativecommons.org/support/#commoner 

Ho sempre pensato che fare parte di un progetto significhi prendervi parte
(perdonate la tautologia): diventare Commoner, invece, significa dare dei
soldi a CC.org (non chiamiamola donazione, vi prego, perché c'è il "do ut
des": tu mi paghi e io ti faccio entrare nel Club dei Commoners).
[...] 

Danilo Moi risponde:
Condivido le tue perplessità.
Non c'è niente di male nel "cercare finaziamenti" ma lo si faccia con un po' 
di dignità e rispettando le persone.
Sviluppatore? Innovatore? Creatore?
Ma che significa?
Credo nessuno che nessuno di noi ambisca a diventare "commoner" in quel 
modo, come noi tanti altri. 

Non vorrei davvero che creative commons, candidata a divenire il principio 
(accanto ad altri progetti) di una rivoluzione del diritto (io credo sia 
questo, forse esagero) divenga invece soltanto la vetrina di quattro 
"doctors" con la puzza sotto il naso nonchè un modo ulteriore per prendere 
per i fondelli la marea di beoti che disgraziatamente sembra sensibile solo 
a frescacce come queste. 

Un saluto altrettanto "basito" 

Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.attivista.com/activists



Maggiori informazioni sulla lista cc-it