[Cc-it] Una cosa da non "importare": il Commoners Club

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 24 Set 2004 08:35:54 EDT


Sono rimasto un po' basito nel vedere questa pagina:
http://creativecommons.org/support/#commoner 

Ho sempre pensato che fare parte di un progetto significhi prendervi parte 
(perdonate la tautologia): diventare Commoner, invece, significa dare dei 
soldi a CC.org (non chiamiamola donazione, vi prego, perché c'è il "do ut 
des": tu mi paghi e io ti faccio entrare nel Club dei Commoners). Non ho 
nulla contro il merchandising, ma non posso pensare che solo chi acquisti un 
prodotto possa essere un Commoner. Non solo, più paghi e più sali di grado: 
da 21$ a 59$ sei "Creator", da 60$ a 99$ sei "Innovator", oltre i 100$ sei 
"Developer". Dai 15$ ai 20$ sei un semplice "Student". E sotto? Sotto: 
"Donate without becoming a Commoner". Più in particolare non mi piace questo 
modo di rapportarsi con la gente: è finto. Vuoi diventare uno di noi, uno 
figo come noi? Ok, sgancia. Vuoi essere più figo? Ok, sgancia di più. No, 
questa cosa a me non piace. :( 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it