[Cc-it] Progetto Scuola OnLine: un aiuto per le licenze

tom montrellune a teatre.com
Gio 23 Set 2004 14:37:01 EDT



<
<Capito. La domanda, a questo punto, sarebbe questa: <in base ai testi 
<che vi ho inviato qualche giorno fa, si deve <parlare di "modifica" 
<della licenza? Perch, se cos fosse, non avrebbe <senso neanche il 
<rimando al testo inglese della licenza stessa.
<La nostra intenzione era quella di sottolineare <aspetti che - per 
<quel pochissimo che io posso capire - fanno gi <parte della licenza 
<CC. Proprio per questo avevamo inserito la <pubblicazione su Internet 
<come raccomandazione (e conditio sine qua non per <il rilascio del 
<bollino di qualit, che  altra cosa rispetto alla <licenza). Questa, 
<ripeto, era l'intenzione. Ma a questo punto sarei <curioso di sapere 
<se ci siamo riusciti o se, senza saperlo, abbiamo <creato una licenza 
<diversa dalla CC Attribution-Share Alike.


Ho inteso meglio il senso della vostra raccomandazione.
Per cui se la vostra raccomandazione non vuole avere un valore vincolante giuridico (e al momento secondo me non lo ha, ha semplicemente la struttura di un invito), per l'utilizzo dell'opera, tutto dovrebbe essere a posto, nel senso che voi lincenziate l'opera sotto licenza cc, e inoltre vi augurate che venga messa in internet.
Questione totalmente differente è quella relativa al bollino di qualità. Voi stabilite che per poter inoltre portare il vostro bollino, la divulgazione deve sottostare a della ulteriori condizioni (in particolare quella della messa in rete). Secondo me qui fuoriusciamo dal diritto d'autore e rintriamo nella fattispecie del diritto sul marchio (di quello non registrato, per la precisione). Infatti voi non stabilite ulteriori o differenti condizioni per l'utilizzo dell'opera, bensì stabilite che per poter utilizzare il vostro bollino (il marchio) si devono rispettare ben determinate condizioni. Secondo me questa previsione è totalmente compatibile con le licenze cc. Anzi trova il suo antecedente logico nel fatto che nella  versione 2.0 come enunciazione del diritto di paternità in accezione negativa, vi sia la previsione relativa alla possibilità di richiedere che il proprio nome non venga inserito in una opera derivata.
Voi avete creato un'altro prodotto immateriale, ossia il vostro marchio di qualità. E i termini di licenza di questo sono stabiliti a parte.

Discussione interessante al riguardo è quella sul logo-debian.
Nel mondo open source in generale si tende a mantenere un minimo di controllo sull'opera in senso negativo (ossia evitando che si subisca l'attribuzione di qualcosa che non si è creato nemmeno in parte) attraverso il diritto dei marchi. Ma questo non è assolutamente dfsg free.

In cc, si tutelano a questa manira i prodotti cc, ossia le licenze (come ho già detto, vedi le policy)
Tutto ciò ovviamente IMHO, IANAL e pure TINLA !

Se volete consultare un esempio che secondo me, al di la delle seppur notevoli differenze di prodotto -ed infatti la licenza in questione è la GPL- assomiglia al vostro caso, date un'occhiata alla licenza simputer, la SGPL: in particolare  nel punto dove stabilisce la libertà di utilizzo del proprio prodotto, ma ne limita la distribuzione, imponendo che se non da loro accettata, allora porti la dicitura "simputerized" e non "simputer".

Tom

_____________________________________________________________
<---o0o--->
Aconsegueix el_teu_email a teatre.com gratuÏtament a http://teatre.com
 :-))-:



Maggiori informazioni sulla lista cc-it