[Cc-it] Re: Progetto Scuola OnLine: un aiuto per le licenze

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 23 Set 2004 07:37:50 EDT


Gianfranco Faillaci Scrive: 

> 
>> Bisogna distinguere due aspetti differenti:
>> Se tu nella tua licenza introduci l'obbligo di pubblicare in internet il 
>> lavoro derivato, questa è una clausola contrattuale che va rispettata, in 
>> quanto accettata nel momento della conclusione del contratto, ossia 
>> attraverso il fatto concludente della creazione dell'opera derivata (o 
>> della sua copia, dipende dai casi). 
>> 
>> Altra cosa è dire di utilzzare una licenza  cc quando non è così al 100%. 
>> Nelle policy di uso di cc.org vi è un paragrafo che dice più o meno 
>> così:"non pretendiamo nessun copyright sulle nostre licenza (i.e. potete 
>> usarle liberamete), ma non si può dire di usare licenze cc nel caso si 
>> sia proceduto alla loro modifica".
>> Ossia si possono usare, si possono modificare, ma in questo caso non puoi 
>> dire di usare una licenza cc.
>> Verosimilmente potrai dire di usare un cc-based. 
>> 
> 
> Capito. La domanda, a questo punto, sarebbe questa: in base ai testi che 
> vi ho inviato qualche giorno fa, si deve parlare di "modifica" della 
> licenza? Perché, se così fosse, non avrebbe senso neanche il rimando al 
> testo inglese della licenza stessa.
> La nostra intenzione era quella di sottolineare aspetti che - per quel 
> pochissimo che io posso capire - fanno già parte della licenza CC. Proprio 
> per questo avevamo inserito la pubblicazione su Internet come 
> raccomandazione (e conditio sine qua non per il rilascio del bollino di 
> qualità, che è altra cosa rispetto alla licenza). Questa, ripeto, era 
> l'intenzione. Ma a questo punto sarei curioso di sapere se ci siamo 
> riusciti o se, senza saperlo, abbiamo creato una licenza diversa dalla CC 
> Attribution-Share Alike. 
> 
> 
> Grazie
 

Avete creato una licenza diversa. :) Perché, come ho già detto altrove, è 
più facile "metabolizzare" un concetto generale (copyleft) che una specifica 
licenza. Il vostro caso, affatto unico, sembrerebbe suggerire l'opportunità 
di rendere le licenze più elastiche, affincando alla modularità una sorta di 
"spazio libero" (con dei confini, certo, ma intorno ad un contenuto aperto). 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it