[Cc-it] Ecco a voi tutta la potenza del digitale

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mar 21 Set 2004 21:52:21 EDT


Il Decreto del Presidente del consiglio dei ministri del 13 gennaio 2004, 
recante "Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la 
conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche 
temporale, dei documenti informatici", all'art.51 dice:
"L’evidenza informatica può essere sostituita da una o più impronte, 
calcolate con funzioni di hash previste dal manuale operativo. Debbono 
essere comunque accettate le funzioni di hash basate sugli algoritmi 
dedicated hash-function 3, corrispondente alla funzione SHA-1 e dedicated 
hash-function 1, corrispondente alla funzione RIPEMD-160, definiti nella 
norma ISO/IEC 10118-3:1998". 

Questo significa che non c'è alcuna differenza tra un file (o un insieme di 
files) e la sua impronta. Vi sembra poco? "Copyzero on-line" potrebbe 
funzionare anche mediante la trasmissione della semplice impronta e questo 
fluidificherebbe enormemente la trasmissioni dei dati (pensate: anziché 
effettuare l'upload di un file di tanti Mb, basterebbe inviare pochissimi 
Kb... e pensate anche ai rivoluzionari sistemi di validazione che potrebbero 
prendere vita sulla base di una simile innovazione). Purtroppo la gente è 
portata a diffidare di certi meccanismi rivoluzionari: "Ma io voglio 
tutelare la mia opera non un codice!". Quindi, per il momento (in attesa del 
consolidamento di certe prassi e della loro accettazione da parte della 
gente) tutto resta com'è. Gli amanti della cellulosa, invece, possono 
domandarsi: cosa accade se l'impronta viene trascritta su un pezzo di carta? 
:D Mah... :P 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it