[Cc-it] questioni di cui ignoro la risposta

tom montrellune a teatre.com
Gio 9 Set 2004 14:13:13 EDT


Mah, ti dirò,
se intendi in grado di farlo bene, o di farlo in maniera "giusta" allora sono d'accordo con te,
ma per la  mia esperienza (non che sia molta), seppur male, con ripartizioni non eque, con forfait che disapproviamo lo fa.
Un autore -questo me lo raccontano quotidianamente amici miei musicisti-  ha necessità di  guadagnare dei soldi, e seppur fossero disponibili a  comportarsi più socialmente, mi dicono che quei 4-500 € ogni 6 mesi li fanno comodo.
Comunque riporto discorsi di altra gente, magari tu ne sai di più al riguardo

Tom 


--- hrundi <hrundi a inventati.org> wrote:
tom ha scritto:
 > In poche mail abbiamo raggiunto il punto scottante:
 > se uno volesse rilasciere l'opera sotto cc avrebbe la protezione 
legale che ogni creazione di un'opera fornisce. Se per esempio la sento 
passare su una radio commerciale e io avevo detto no-commercial posso 
far causa alla radio.
 > Ma chi è in grado di controllare tutto questo, chi è realmente in 
grado di sapere se in qualunque bar che venda alcolici (o analcolici) in 
ita o all'estero, (e in qulunque delle altre mille circostanze 
ipotizzabili) ci sia una violazione della licenza sulla mia opera? Al 
momento solo la siae.

Ecco io di questo non sarei così sicuro..Non credo che la SIAE sia 
davvero in grado di fare questo in modo così capillare>>>Grande Fratello?

H.


_____________________________________________________________
<---o0o--->
Aconsegueix el_teu_email a teatre.com gratuÏtament a http://teatre.com
 :-))-:



Maggiori informazioni sulla lista cc-it