[Cc-it] Re: questioni di cui ignoro la risposta

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 9 Set 2004 13:51:12 EDT


tom Scrive: 

> In poche mail abbiamo raggiunto il punto scottante:
> se uno volesse rilasciere l'opera sotto cc avrebbe la protezione legale che ogni creazione di un'opera fornisce. Se per esempio la sento passare su una radio commerciale e io avevo detto no-commercial posso far causa alla radio.
> Ma chi è in grado di controllare tutto questo, chi è realmente in grado di sapere se in qualunque bar che venda alcolici (o analcolici) in ita o all'estero, (e in qulunque delle altre mille circostanze ipotizzabili) ci sia una violazione della licenza sulla mia opera? Al momento solo la siae.
> Finchè non vi sia un'altra struttura, oppure qualche profiquo scambio di opinioni non dia i suoi frutti
> non vedo una soluzione a portata di mano riguardo alla gestione dei diritti patrimoniali.
 

Usare la SIAE come "partner commerciale" può essere accettabile: io ti pago 
e tu fai la guardia ai miei diritti patrimoniali (anche se i controlli della 
SIAE sono molto limitati e, con l'avvento del P2P, destinati ad incontrare 
difficoltà insormontabili). Quello che trovo inaccettabile è il fatto che si 
debba ricorrere alla SIAE anche per la mera tutela dei diritti morali: 
quante persone tra quelle che depositano sono dentro al mercato? Una piccola 
parte. Tuttavia, tanto per chiarire, non è che l'unico modo per difendere i 
diritti patrimoniali sia quello di rivolgersi alla SIAE.
Se, ad esempio, mi accorgo che qualcuno ha plagiato il mio brano (e 
certamente non è la SIAE che me lo viene a dire), se l'ho depositato in SIAE 
andrò dall'avvocato con il certificato di registrazione SIAE; se ho 
utilizzato Copyzero, ci andrò con la mia opera firmata digitalmente: il 
risarcimento danni (lucro cessante, danno emergente) può essere richiesto ed 
ottenuto in entrambi i casi.
Allora dico: partiamo dalle cose semplici, da quello che possiamo ottenere 
con le nostre forze, e poi andiamo sul complesso, su quello che possiamo 
ottenere con la disponibilità degli altri. Nel mentre: informiamo, 
informiamo, informiamo e usciamo dalla torre d'avorio. 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it