[Cc-it] Re: questioni di cui ignoro la risposta

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 9 Set 2004 05:46:16 EDT


dedalus Scrive: 

> ciao a tutti,
> premetto che conosco le linee generali delle Creative Commons ma che 
> ignoro completamente lo specifico.
> Ho una domanda pratica: Se io volessi rilasciare un brano in mp3 sotto cc 
> (con divieto di utilizzo commerciale) sono tutelato qua in italia oppure 
> no? mi chiedo, la legge e i legali sono in grado di tutelarmi?
> e come? 
> 
> saluti,
> dedalus 
> 
> p.s. La questione non riguarda me nello specifico ma quanti mi continuano 
> a chiedere se esiste un'alternativa valida al copyright
 

Il copyleft si basa sul copyright: ha lo stesso punto di forza e lo stesso 
punto debole del copyright. Il punto di forza consiste nel fatto che il 
"permesso d'autore", facendo comunque parte del diritto d'autore, è 
giuridicamente riconosciuto. Il punto debole consiste nel fatto che se non 
c'è la prova che l'opera x è stata fatta dall'autore y in data z, la tutela 
del diritto d'autore (e dunque anche quella del "permesso d'autore") sarà 
debole. Quindi, si dovrebbe ricorrere alla SIAE anche quando un'opera è 
sotto CC e si intende difendere il mero diritto morale. Esempio: il tuo 
brano mp3 (sotto CC) non andrà mai sul mercato e a te interessa difendere 
solo il tuo diritto morale e non anche il diritto patrimoniale.
Come fai? La soluzione che ti viene prospettata è quella di rivolgerti 
comunque alla SIAE: tu sganci centinaia di euro (devi versarli ogni 5 anni, 
se non ricordo male) e loro ti danno un pezzetto di carta in cui c'è 
scritto: opera x dell'autore y depositata in data z. Se non lo fai, chiunque 
può violare impunemente la tua licenza CC. Ti sembra giusto pagare (caro) 
per difendere un mero diritto morale, pagare anche se non si prevede un 
ritorno economico? Di fatto è giusto, perché in SIAE ci sono persone che 
lavorano per te, ma in linea di principio non lo è (anche perché la SIAE 
approfitta di questa condizione di "monopolista di garanzia"). Per questo 
motivo, ho pensato a qualcosa che potesse fare fronte a questa ingiustizia: 
si chiama Copyzero e si basa sulla firma digitale forte (che offre lo stesso 
valore probatorio di un'opera depositata in SIAE, ma a costo zero). Se ne è 
già parlato in giro ed anche su questa lista, per cui non ripeterò cose già 
dette da altri. Su www.copyzero.org trovi informazioni. Richieste come la 
tua, però, (più che legittime, sia chiaro) mi fanno convincere ancora di più 
del fatto che c'è carenza di informazione e che quella che viene fatta è 
spesso troppo tecnicistica. Non bisognerebbe mai dimenticare che l'unico 
modo per diffondere e radicare un'idea nella società è rivolgersi alla gente 
comune e che c'è una bella differenza tra gente comune e appartenenti ad una 
comunità. Altri discorsi (forse inutili)potremmo farli anche 
sull'"importazione" di licenze provenienti da sistemi di common law: mi 
chiedo se non si faccia prima ad "esportare" un'idea anziché una serie di 
licenze. 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it