[Cc-it] Le mie impressioni sulla conferenza al Leoncavallo

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 30 Ott 2004 19:04:01 EDT


Elio ha fatto un breve intervento, nel quale ha detto che finalmente la sua 
band può permettersi di essere indipendente dalle major: infatti, hanno 
costituito una loro società di produzione, la Hukapan S.r.l., di cui Elio è 
presidente e gli altri componenti del gruppo consiglieri.
La musica di Elio e le Storie Tese è dunque disponibile su Internet e può 
essere scaricata da tutti ad un prezzo ragionevole. Elio dice che le vendite 
on-line vanno bene.
Elio e le Storie Tese non utilizzano (e temo non utilizzeranno mai) nessuna 
licenza CC, né per la loro musica, né per il loro sito: tutto full 
copyright... e per chi non sapesse che cos'è il full copyright, sul sito di 
Elio e le Storie Tese potete trovare ampie e dettagliate descrizioni.
Cambia il modo di produrre la musica, di distribuirla, di venderla, ma tutto 
ciò, dico io, non ha nulla a che fare con la tanto agognata diffusione dei 
saperi e delle conoscenze: è solo un modo diverso (più al passo con i tempi) 
per puntare al profitto.
Elio aggiunge che comunque continueranno a fare dischi perché bisogna 
procedere per gradi (il mercato digitale, insomma, è appena agli inizi). 
Cigliegina sulla torta: vietato il permesso di mandare in streaming il 
concerto (la bassa qualità audio sarebbe stata "a prova di furto", ma niente 
da fare: la Hukapan S.r.l. evidentemente non ci sta :-D).
Non prendete le mie parole come una critica rivolta a Elio e le Storie Tese: 
non ho nulla contro di loro. Prendetele invece come una critica, mi auguro 
costruttiva (altrimenti non l'avrei pubblicata) a noi stessi.
A questi chiari di luna, l'approccio meramente divulgativo, secondo me, non 
è sufficiente: non basta dire cosa sono le licenze CC e tratteggiare i 
lineamenti di un "mondo possibile"; bisogna andare all'attacco. Attaccare 
significa innanzitutto battersi affinché non venga scambiata come una 
rivoluzione libertaria l'adeguamento del mercato agli sviluppi e alla 
diffusione delle tecnologie. In altre parole: non ti darò mai la possibilità 
di fare intendere che tu stai dalla mia parte, perché quando ne avrò 
l'occasione ti dirò quanto il tuo modo di pensare è diverso dal mio e quanto 
sono diversi i tuoi fini dai miei, in modo che anche la gente possa capirlo 
e possa entusiasmarsi all'idea di una battaglia libertaria tanto "raffinata" 
quanto "dura e pura". Avvertite la "scomodità" di quello che sto dicendo? 
:-) Ecco, secondo me dovremmo essere "scomodi" (ragionevolmente "scomodi"), 
a costo di non essere più invitati da nessuna parte. :-D 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it