[Cc-it] Re: 27 novembre, Convegno LiberLiber

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 18 Ott 2004 17:39:38 EDT


> Sì, ma non necessariamente. Io comunque farei una domanda (o lancerei
> una provocazione) che implichi anche una breve spiegazione su cosa
> sono le Creative Commons (il convegno ha carattere prevalentemente
> divulgativo; non è per "addetti ai lavori"). Potreste ad esempio
> rivolgervi agli editori e chiedere loro cosa ne pensano di questo tipo
> di licenza.

Le provocazioni mi riescono meglio. :-)
Agli editori io chiederei: per un editore adottare una licenza CC significa 
contribuire alla diffusione del sapere, aderire ad un ideale, o ingrandire 
il proprio giro di affari, utilizzando Internet e l'interesse crescente 
della società civile per le licenze libere?
Sapete, il "permesso d'autore" è sempre esistito (e per diffondere il sapere 
bastano anche 2 righe) ma da quando si fanno conferenze, dibattiti (spesso 
politicizzati), manifestazioni, articoli, libri, magliette e quant'altro sul 
"copyfree", chissà perché anche agli editori viene la tentazione di... come 
dire... cavalcare l'onda?
Società della Conoscenza? No, rimarrei sul classico: Società dei Consumi. 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it