[Cc-it] Re: Una web radio per la nostra comunità: per essere tutti presenti

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 16 Ott 2004 05:24:45 EDT


> mi ero spiegato male 

> volevo capire se l'idea era quella di mettere in piedi una webradio
> da zero, come strumento di supporto all'attivita' di questa lista. 
> mi pare di aver capito che l'idea sia questa. 
> io non ho mai tenuto in piedi una webradio, pur conoscendo diverse 
> persone che lo fanno, ed ero convinto che lo sforzo necessario fosse 
> molto maggiore rispetto a quanto hai detto tu.

Andiamo sul pratico:
l'utente si collega al sito, guarda gli orari di trasmissione (es: 16 
dicembre, in  diretta da Torino...), clicca sul link della radio (usiamo un 
ip "statico", es.: ccradio.homeip.net) e incomincia ad ascoltare la 
conferenza in tempo reale. Bene, vuole fare una domanda: spedisce una e-mail 
e riceve una risposta via radio.
Cosa occorre affinché tutto ciò avvenga? Soltanto un paio di sowtfare 
freeware e un microfono: per fare un web radio bastano pochi minuti (lo dico 
per esperienza). 


> la trovo una bella idea, ma non avendo il tempo di contribuire mi 
> sarei orientato piuttosto ad "un programma" da inserire nel 
> palinsesto delle webradio gia' esistenti a cui accennavo.  in questo 
> modo si sarebbe potuto sfruttare il pubblico e la notorieta' gia' 
> guadagnati dalle webradio stesse.  

E' chiaro che se altre web radio (ma forse quelle che dici tu non sono web 
radio vere e proprie, sono radio che trasmettono *anche* su Internet) sono
disposte a seguire le conferenze di CC non abbiamo bisogno di avere una web 
radio, ma dubito che questo possa accedere con continuità. 


> probabilmente le cose si possono combinare, nel senso che la diretta 
> puo' essere trasmessa da piu' webradio. comunque sia, buon lavoro ;)

Magari! :) 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it