[Cc-it] Re: il Copyleft al MEI di Faenza e altre storie...

pinna pinna a autistici.org
Ven 15 Ott 2004 14:31:57 EDT


Alle 19:42, venerdý 15 ottobre 2004, creatives a attivista.com ha 
scritto:
> Faccio riferimento a questo messaggio:
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-October/001272.html
> Andrea Glorioso scrive:
> Per  la cronaca, comunque,  non credo  che i membri  di cc-it@ 
possano
> essere equiparati, nemmeno  sostanzialmente, ad un qualcosa 
definibile
> come `Creative Commons Italia'; 
> 
> Danilo Moi risponde:
> Ma che, per la cronaca e anche per i necrologi, lo decidi o lo 
stabilisci 
> tu? 

pero' danilo, c'era scritto "non credo che". dai, non ci arrabbiamo. a 
dire il vero anche io non vedo sulla base di cosa potremmo 
presentarci ufficialmente come "creative commons italia". anche 
lorenzo aveva scelto la formula "partecipante al progetto iCommons 
Italy di Creative áCommons" per qualificarsi alla conferenza del 
leoncavallo. 

perfino il piu' becero sostenitore del copyright chiuso puo' 
iscriversi a questa lista, ma fortunatamente questo non lo 
autorizza formalmente a parlare a titolo di "creative commons italia".

credo che si possa essere attenti a questi aspetti e 
contemporaneamente essere nei fatti cio' che secondo la mia 
personalissima opinione dovrebbe essere "creative commons italia", 
cioe' facilitare e diffondere la conoscenza e l'uso delle licenze CC.

e io credo che l'importante sia fare questo.

se oltre a questo si desidera anche un riconoscimento formale 
(individuale o per l'intera lista), credo che sia poco fruttuoso 
esprimerci qui, a rischio tra l'altro di litigare. penso che se ne 
debba parlare con i referenti del progetto.

comunque, danilo, a me pare che la precisazione di andrea non abbia 
sminuito ne' il tuo (intenso!) lavoro ne' quello degli altri iscritti 
alla lista. ne' quello di molte altre persone, che non sono iscritte 
alla lista (e a cui non possiamo pretendere si iscrivano e 
partecipino), ma che allo stesso tempo svolgono un lavoro utile 
alle licenze CC. un esempio per tutti e' il team di www.ngvision.org, 
che spesso e' chiamato in giro per l'italia a presentare il progetto 
New Global Vision, e che in tali occasioni spiega con dovizia il 
significato e l'uso delle licenze. grazie alla documentazione che 
faticosamente noi stiamo producendo, e alle relazioni che ognuno di 
noi intesse *al di fuori di questa lista*, anche se loro non sono 
iscritti a questa lista sono comunque in grado di spiegare al 
pubblico che interviene ai loro workshop e alle loro conferenze 
perche' hanno scelto le licenze libere e come seguire il loro esempio 
(hanno prodotto anche un video su questo, che potete ovviamente 
scaricare dal loro sito assieme ad altre centinaia).


ciao
pinna,
che tra un po', per mancanza di tempo si disiscrivera' 
*anche* da questa lista :(



Maggiori informazioni sulla lista cc-it