[Cc-it] Re: il Copyleft al MEI di Faenza e altre storie...

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Ven 15 Ott 2004 14:26:41 EDT


>>>>> "creatives" == creatives  <creatives a attivista.com> writes:

    > Andrea Glorioso scrive: Non credo che il "Copyleft" possa essere
    > interpretato come un fenomeno sociale e culturale e, anche se lo
    > fosse, non penso sia utile rendere tale termine piu` generico (e
    > genericamente applicabile) di quanto gia` non lo sia, visto e
    > considerato che esistono altri strumenti di analisi, con
    > relativa terminologia, che possono essere meglio applicati.

    > Danilo Moi risponde: Io penso che il Copyleft sia un fenomeno
    > culturale, mi sembra un dato di fatto.  Come mi sembra un dato
    > di fatto l'utilizzo diffuso (a livello mondiale) del termine in
    > senso "generale".

Dovremmo    intenderci     su    cosa     definiamo   come   "fenomeno
culturale". Comunque, al di la` dei riferimenti che porti (che mi sono
noti  ma per i  quali ti  ringrazio comunque)  vorrei  insistere sulla
seconda parte del mio  pensiero: non penso  sia utile insistere troppo
sull'utilizzo del termine "Copyleft"  al di fuori dell'ambito alquanto
ristretto in cui e` nato.

Probabilmente  nel  futuro cambiero`  idea,  ma  al momento penso  che
questa attivita` crei solo confusione  nella testa dei decisori  (piu`
che pensare, ne sono convinto per esperienza diretta).

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit



Maggiori informazioni sulla lista cc-it