[Cc-it] Re: il Copyleft al MEI di Faenza e altre storie...

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Ven 15 Ott 2004 14:17:57 EDT


Andrea Glorioso scrive:
Non credo che il "Copyleft" possa essere interpretato come un fenomeno
sociale e culturale e, anche se lo fosse,  non penso sia utile rendere
tale termine   piu` generico (e  genericamente applicabile)  di quanto
gia` non lo  sia, visto e  considerato che esistono altri strumenti di
analisi, con relativa    terminologia,  che   possono essere    meglio
applicati. 

Danilo Moi risponde:
Io penso che il Copyleft sia un fenomeno culturale, mi sembra un dato di 
fatto.
Come mi sembra un dato di fatto l'utilizzo diffuso (a livello mondiale) del 
termine in senso "generale". 

Ad esempio:
Nella conferenza "Conferenza Oekonux. La creatività nell'era digitale" 
(ricordi: abbiamo tradotto il "call for papers" proprio su Copywhat) il 
sottotitolo è "La prosperità tramite il copyleft"
Ovvero: si utilizza il termine copyleft non certo in senso "ristretto", 
semplice "libertà di copia", ma appunto gli si attribuisce una valenza più 
generale.(addirittura economica in questo caso)
http://www.rekombinant.org/article.php?sid=2234 

Gli esempi ulteriori che si potrebbero addurre sono infiniti.
Ne "adduco" qualcuno. 

http://copyleft.sindominio.net/ 

http://italy.peacelink.org/cybercultura/articles/art_4363.html 

http://internet.cybermesa.com/~berny/cosacopyleft.html
[..]
Il copyleft è un concetto generale; esistono svariate modalità per definirne 
i dettagli. Nel progetto GNU, i termini specifici della nostra distribuzione 
vengono indicati nella GNU General Public License (Licenza Pubblica Generica 
GNU), spesso abbreviata in GNU GPL. Al riguardo esiste l'apposita pagina che 
risponde alle domande più frequenti (FAQ, Frequently Asked Questions: 
http://www.gnu.org/licenses/gpl-faq.html). È inoltre possibile informarsi 
sul perché la Free Software Foundation riceva dei progetti sotto copyright 
da vari collaboratori (http://www.gnu.org/copyleft/why-assign.html).
[...] 

Come vedi lo stesso Stallman (o chi per lui) non riduce a semplice "libertà 
di copia" il copyleft. 

Per chiarire  la mia posizione (e conlcudere) mi autocito
Copyleft as the "Grand Unified Theory"
http://www.attivista.com/2003/ottobre/copyleft.html (ottobre 2003)
[..]
Unify what?
There are some interesting realities now.
Gnu licence, Creative Commons, and, recently, PLoS.
They express, with their philosophemes, the heart of something that could be 
revolutionary.
I believe that they could be, gathered in a coordinated work, a reliable 
base for Copyleft.
Gnu license could be defined as the big bang of it.
So Copyleft comes out from hackers' culture, and although I believe that 
hackers' ethic, seen in its basilar set of principles, it is not a new 
"zeitgeist", I must consider its importance in the spreading of 
anti-imperialist movement.
Copyleft will be the legal expression of the profound philosophy outsourcing 
this movement.
I believe Creative Common's licences could be seen as the "second step" in 
Copyleft growth, they are the "extension" of GNU's field : that's why I'm 
really interested on them, and that's why I hope for their adoption in 
Italy.(and not only )
PLoS move to the same goal, in the scientific field.
[...] 


Un saluto
Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.attivista.com/activists



Maggiori informazioni sulla lista cc-it