[Cc-it] Re: il Copyleft al MEI di Faenza e altre storie...

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 15 Ott 2004 13:15:37 EDT


> In generale   io  invece sto  piuttosto  attento  a queste   cose.  La
> rappresentativita`  (quando  c'e`) non  e`   uno scherzo da gestire  e
> comporta, come sai, delle grosse responsabilita`.

Quindi in situazioni del genere come ti comporti? Fai correggere volantini, 
manifesti ed ogni altra notizia che circoli sulla rete? E ci riesci?
Forse è sufficiente chiarire in conferenza stessa, no? Del tipo: "Vorrei 
chiarire che io parlo a nome di... ". 


> A dire il vero io sono  stato contattato per  via del progetto AGNULA.
> "Creative Commons Italia" non c'entra niente, a quel  che so io e vedo
> nella mia mailbox.
 

Non so cosa tu veda sulla tua mailbox (né pretendo di saperlo), so cosa 
tutti possono vedere sulla tua lista (e su questa lista: tu dici di lavorare 
con/per CC): 


Marco di Anomolo scrive:
P.S. Vorrei estendere questa idea ai responsabili di Creative
Commons Italia ma ho smarrito il contatto e-mail . Se qualcuno
di voi lo possiede vi prego di girarmelo. Grazie. 

Andrea Glorioso risponde:
"Creative  Commons  Italia" non   esiste  in quanto  entita`  formale;
esistono le Partner Institution italiane, che fanno parte del progetto
iCommons,  ma che si  occupano esclusivamente della localizzazione (in
italiano)  delle licenze CC.  Il responsabile  e` il prof. Ricolfi del
DSG (Dipartimento di  Scienze Giuridiche) di UniTo,  ma non sono certo
che sia  lui la  persona da contattare   in questo caso.  Forse  se ci
spieghi cosa vuoi fare esattamente, posso essere piu` d'aiuto. 

Tom scrive:
E' vero quello che dice Andrea, ossia che formalmente-legalmente
cc.it non esiste. E' altrettanto vero che sostanzialmente
esiste, ed esistono molte persone che vi collaborano, percui non
devi fare altro che scrivere alla lista di cc.it per proporre la
tua idea. (cc-it at lists.ibiblio.org) . 

Andrea Glorioso risponde:
A scanso  di equivoci e visto  che questa argomento (natura  formale o
sostanziale   di un qualcosa che possa   essere definito come Creative
Commons  Italia) e`  di quelli  "caldi", vorrei  precisare che  la mia
risposta derivava da  un'ipotesi:  ovvero  che chi poneva  la  domanda
fosse gia` a conoscenza dell'esistenza di cc-it at lists.ibiblio.org.
Per questo avevo interpretato  la domanda come  "a chi devo rivolgermi
formalmente se voglio invitare Creative Commons Italia"?
Da qui la mia risposta.
Per  la cronaca, comunque,  non credo  che i membri  di cc-it@ possano
essere equiparati, nemmeno  sostanzialmente, ad un qualcosa definibile
come `Creative Commons Italia';  al  piu`  qualche singolo  membro  di
quella  lista puo` essere  una `persona  che  lavora per la  filosofia
Creative Commons in Italia', il che e` cosa ben differente. 


Vedi com'è facile creare equivoci? :-)
Adesso però abbiamo chiarito: ed è stato opportuno farlo (anche per evitare 
interventi fuori luogo da parte di qualche iscritto alla lista). ;-) 


> Molto plausibilmente parlero` del progetto AGNULA Libre Music, di come
> l'utilizzo  di licenze Creative Commons possa  fornire una risposta ai
> problemi distributivi di  molti   artisti, e di come   sarebbe  meglio
> smetterla di utilizzare il termine "Copyleft" a destra e manca.
 

Intendi dire che "copyleft" è un termine che dovrebbe essere riferito 
soltanto all'ambito nel quale è nato (software libero)?
Se è così credo di conoscerne le ragioni (io, infatti, per CC parlo di 
"ccopyleft"). Altrimenti non so. 


> Ogni  suggerimento e` bene  accetto,  ma vorrei  rimarcare, a costo di
> essere antipatico, che poiche` non sento  di parlare a nome di nessuno
> tranne che   di MIU-FT,  non   e` detto  che  accogliero` i   suddetti
> suggerimenti.

Non farti problemi, anche perché antipatico lo sei a prescindere (battuta 
per sdrammatizzare eh). :-)
Più seriamente: se pensi che quanto discusso possa interessarci,
e ti andasse di renderci partecipi... io dico che sarebbe bello.
Poi, ovviamente, decidi tu. 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it