[Cc-it] Re: il Copyleft al MEI di Faenza e altre storie...

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 15 Ott 2004 07:14:19 EDT


> Cari tutti,

> mi scuso per la pedanteria ma nel "comunicato" e` scivolato un errore.
> CREATIVE COMMONS ITALIA (Andrea Glorioso) sama a miu-ft.org

> La mia partecipazione all'iniziativa (a  cui, sia chiaro, aderisco con
> totale  e  massimo interesse -   pur  permanendo differenze  su alcune
> scelte   sono convinto che l'obbiettivo  di  massima sia comune) *non*
> avviene a  nome  di Creative Commons  Italia  [0], ma  a nome di Media
> Innovation Unit  - Firenze Tecnologia  [1], l'unita di ricerca per cui
> lavoro.

> Grazie per l'attenzione (come si diceva una volta).

Caro Andrea,
non ti preoccupare, se dovessimo stare attenti a tutti i volantini, i 
manifesti, le pubblicazioni... finiremmo col perdere un sacco di tempo 
invano. Piuttosto, visto che ti hanno invitato per parlare di Creative 
Commons (tu vai come Media Innovation Unit, ma le loro intenzioni erano 
quelle di invitare Creative Commons Italia), perché non ci dai qualche 
anticipazione? Hai già una scaletta? Magari i membri di questa lista 
potrebbero darti suggerimenti: non è la nostra forza il codividere 
(soprattutto ciò che riguarda CC)? Lo stesso discorso vale per Lorenzo (per 
la conferenza al Leoncavallo).
Che dite? Siete d'accordo? Magari avevate già intenzione di farlo ed io vi  
ho solo anticipato. :-)
Siccome siamo in argomento, rinnovo il mio invito a tutti gli iscritti a 
presentare una proposta (magari da editare sul wiki) per il 16 dicembre (vi 
ricordo che il termine per la presentazione è il 31 ottobre). 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it