[Cc-it] :::.. Proposta di modifica 1.0/2.0 CC: "Libere utilizzazioni" ..:::

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Dom 10 Ott 2004 13:26:14 EDT


Alla luce di quanto ho espresso qui
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-October/001250.html
ed alla luce del fatto che le licenze andranno non solo nelle mani di legali 
ma anche soprattutto nelle mani della societą civile (che deve essere messa 
*il pił possibile* nella condizione di avere un quadro chiaro delle licenze) 

propongo la seguente modifica:
 ---------------------------------------------------------------------------
[...]
2. Libere utilizzazioni
La presente Licenza non intende in alcun modo ridurre, limitare o 
restringere... altre limitazioni dei diritti esclusivi sull'Opera derivanti 
dalla legge sul diritto d'autore o da altre leggi applicabili,
***ivi compreso il diritto all'integritą dell'Opera***.
[...]
 --------------------------------------------------------------------------- 

Per i "non addetti ai lavori":
l'autore ha diritto ad opporsi a quelle modifiche della sua opera che siano 
pregiudizievoli al suo onore o alla sua reputazione. In questi concetti 
rientrano in senso ampio tutti gli interessi spirituali e quelli relativi 
alla sua personalitą psichica ed intellettuale.
Ma sono possibili anche interventi lesivi sull'opera senza che questa venga 
modificata deformata o mutilata: si possono ricondurre ai casi in cui 
l'impiego dell'opera ne falsi il suo carattere e il significato nel giudizio 
del pubblico.
Credo che sia *fondamentale* evidenziare in modo *espresso* questi concetti 
se non vogliamo che gli utilizzatori di licenze CC possano ritrovarsi con 
una querela sulle spalle da un giorno all'altro! :(
Alla coscienza delle PI farlo. 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilitą, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle pił fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it