[Cc-it] Re: creativecommons.it logotypes and policies

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 8 Ott 2004 08:34:04 EDT


Andrea Glorioso Scrive: 

>>>>>> "Alberto" == Alberto Gilardi <alberto_gilardi a libero.it> writes:
> 
>     > Il consiglio  di  Andrea è  prezioso  sul serio, specie   perché
>     > proviene da una persona che   ha parecchia esperienza sul  campo
>     > nel settore delle licenze  libere. Se davvero si vuole  lavorare
>     > su/per/con CC, non è il caso di licenziarsi, (mi pare che Andrea
>     > conservi ancora il suo  lavoro), piuttosto invece del curriculum
>     > è sufficiente inviare in lista i commenti al testo delle licenze
>     > CCPL 2.0, o inserirli nel wiki, (per chi preferisce usare questo
>     > strumento). 
> 
> Come giustamente fa notare Alberto  (e  come ritenevo fosse ovvio,  ma
> l'ovvieta` e` sempre un  tranello pericoloso) quel che  intendevo dire
> e` semplicemente che la  collaborazione con CC,  a qualsiasi titolo la
> si voglia  portare avanti (per  altro  segnalo che  il Berkman Center,
> strettamente legato  a CC  Corp, accetta  anche internship  estive e/o
> ricercatori)  e` stato nel mio caso  un utile strumento per entrare in
> contatto con Juan  Carlos de Martin,  Marco Ciurcina ed altre  persone
> che ruotano intorno a questo progetto. 
> 
> E si`, non mi sono licenziato. 
> 
> P.S.: ringrazio Alberto, ma davvero ritengo di non avere "parecchia
>       esperienza" nel settore delle licenze libere. 
 

Ragazzi, non è questo il luogo per mettersi a discutere di certe questioni: 
se Glorioso e Gilardi conoscono le PI, buon per loro (ringraziamo piuttosto 
Gilardi: è l'unico che si è preso la briga di andare allo Studio 
Tosetto-Weigmann e riportarci quando discusso): non vedo dove sia il 
problema.
Se Glorioso e Gilardi si trovano d'accordo con l'impostazione che le PI 
hanno dato (o non hanno dato) a questa lista, hanno tutto il diritto di 
dirlo, manifestando liberamente le proprie opinioni, senza per questo 
meritarsi di essere più o meno tacciati di imparzialità o "lecchinismo" 
(perché non vorrei che passasse questo concetto: sarebbe poco edificante per 
tutti). 

Le PI non stanno in un universo separato (io stesso ieri ho incontrato il 
Presidente della Repubblica: no, non è ironia, l'ho incontrato veramente e 
vi estendo i Suoi saluti): certamente ho avuto il tempo e il modo per farlo, 
ma non è stato impossibile. A maggior ragione perché dovrebbe essere 
difficile parlare con le PI?
Cerchiamo quindi di intenderci, perchè mi sembra che si stiano dicendo due 
cose diverse: dire che con un po' di volontà è possibile parlare alle PI ed 
instaurare con loro anche un rapporto lavorativo e dire che le PI parlano 
poco agli iscritti di questa lista sono due affermazioni entrambe vere, ma, 
come dire, sono pere e mele. :) 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it