[Cc-it] Caro Lorenzo...

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mar 5 Ott 2004 17:35:51 EDT


Scrive Lorenzo De Tomasi: 

>Rinnovo alle Partner institution il mio invito a coinvolgere 
>maggiormente nelle proprie iniziative legate a Creative Commons l'ampia 
>comunità italiana (133 persone) che ruota attivamente intorno a questo 
>progetto e che si identifica nella lista di discussione 
>cc-it at lists.ibiblio.org
>In particolare credo sarebbe stato e sarebbe ancora opportuno discutere 
>proprio su questa lista il programma della presentazione delle licenze 
>italiane che si terrà "giovedì 16 dicembre 2004 a Torino" al fine di 
>raccogliere interessanti proposte in merito e collaborare alla migliore 
>riuscita di questa importante evento.

Caro Lorenzo,
"sarebbe...", "sarebbe..."... sarebbe già tanto se le PI ti rispondessero.
Credo che molti di noi condividano questa mia opinione: questa lista di 
discussione non è la lista di discussione che Creative Commons vorrebbe che 
fosse (http://creativecommons.org/discuss), una lista in cui le PI guidano 
la discussione, la animano, rispondono alle domande, interagiscono con le 
persone e cercano quante più "contaminazioni sociali" possibili.
Le PI lavorano molto nella "torre", comunicano dalla "torre", ma stanno 
troppo poco nella "piazza".
La spiegazione a questa assenza è sostanzialmente la seguente: abbiamo poco 
tempo (sarebbe facile replicare: anche noi non pettiniamo le bambole).
Perfetto: se qualcuno mi fa vedere dov'è scritto che se le PI hanno poco 
tempo (a causa di lezioni, tesi di laurea, clienti, impegni vari) è normale 
che parte del progetto venga disattesa, me ne faccio una ragione (verrebbe 
da dire: perché avete accettato di portare avanti un progetto se siete 
persone che non hanno il tempo per realizzarlo del tutto?).
E poi le PI dicono: non vi preoccupate, anche se non vi rispondiamo teniamo 
in considerazione tutte le vostre domande. Ma stiamo scherzando? :)
Le PI, che dovrebbero essere promotrici di questa mailing list, davvero 
ritengono queste affermazioni ragionevoli? Il loro compito non è quello di 
"averci nel cuore", è quello di parlare, parlare, parlare con noi.
Posso accettare l'ammissione del (comprensibilissimo, per carità) fallimento 
di una parte di progetto (quella che riguarda la società civile: non sarà 
incontrando la società civile il 16 dicembre, non sarà con una conferenza, 
per quanto importante, che si porrà rimedio a questo insuccesso), ma non 
riesco ad accettare il fatto che si dica: è tutto ok, va tutto bene così. 
No, signori, così non va bene. Avete bisogno di una petizione per rendervene 
conto? :)
Anche i sassi possono capire, vedendo le illustrazioni sul sito di CC.org, 
che la realtà di questa mailing list è diversa da quella che Creative 
Commons prospettava.
Le PI sono state un po' "sfortunate", questo bisogna ammetterlo: su 22 paesi 
partecipanti all'International Commons soltanto 2, Spagna e Italia hanno 
sviluppato una mailing list con grande traffico (le altre mailing list hanno 
traffico scarsissimo o assente), ma questo fatto non doveva essere fonte di 
problemi, bensì di entusiasmo... qui si poteva davvero realizzare quello che 
CC si auspicava. Non importa, sarà per la prossima volta. :) 


P.S.
Nel caso in cui le PI intendessero rispondere a questo messaggio, tengano 
presente che non è stato scritto *contro nessuno* ma *per qualcosa*, nel 
rispetto ed a favore di tutti. Io non desidero altro che essere smentito: 
oggi è obiettivamente difficile, domani chissà, speriamo di sì. 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it