[Cc-it] Chi siamo noi?

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Dom 3 Ott 2004 14:31:57 EDT


http://www.citinv.it/associazioni/FAQ/faqgener.htm#1 

Quali sono gli elementi necessari per costituire un'associazione?
E' sufficiente riunire in modo stabile *un gruppo di persone con uno scopo 
di natura ideale (e non economico) ben definito*; questa condizione già di 
per sè costituisce un'associazione. Non esiste un limite minimo di persone 
che possono formare un'associazione, possono essere anche due.
La costituzione di un'associazione può quindi avvenire anche in forma di 
accordo orale. Questo tipo di formula preclude però ogni tipo di passo 
successivo; essa non potrà svolgere nessun genere di attività a pagamento 
(tranne l'iscrizione dei soci), né accedere alle agevolazioni e/o contributi 
pubblici, né iscriversi ai registri delle Organizzazioni di Volontariato, 
ecc. 

Riporto questo testo perché spiega con chiarezza cosa sia un'"associazione 
di fatto". Secondo voi, "Creative Commons Italia" esiste oppure esiste 
soltanto un gruppetto di amici che, come al bar, si ritrovano per parlare 
del più e del meno? Non è una domanda retorica. E non pongo questa domanda 
per dare man forte al "partito pro associazione" (anzi, mi sono dichiarato 
*contrario*). La pongo perché vorrei che anche l'attività che si svolge qui 
fosse degna di un certo riconoscimento da parte della società civile, non 
soltanto quella svolta dalle PI. La pongo perché alla domanda "scusa, dove 
posso trovare quelli di Creative Commons Italia?" vorrei poter rispondere 
"www.creativecommons.it e relativa mailing list". 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it