[Cc-it] AGNULA e CC: il problemone dei diritti connessi

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 24 Nov 2004 16:28:02 EST


Siccome in lista è iscritto Andrea Glorioso, che parteciperà alla "festa" 
del 16 dicembre, colgo l'occasione per porgli una domanda. Il progetto 
AGNULA utilizza le licenze CC, ma le licenze CC non prendono in 
considrazione i diritti connessi se non per dire che essi *sono fatti 
salvi*. Vediamo un po' cosa sono i diritti connessi (vediamo quelli che 
nella fattispecie ci interessano): 


***Diritti del produttore di fonogrammi*** 

Art. 72 

1. Salvi i diritti spettanti all'autore a termini del titolo I, il 
produttore di fonogrammi ha il diritto esclusivo, per la durata e alle 
condizioni stabilite dagli articoli che seguono:
a) di autorizzare la riproduzione diretta o indiretta, temporanea o 
permanente, dei suoi fonogrammi in qualunque modo o forma, in tutto o in 
parte e con qualsiasi processo di duplicazione;
b) di autorizzare la distribuzione degli esemplari dei suoi fonogrammi. Il 
diritto esclusivo di distribuzione non si esaurisce nel territorio della 
Comunità europea, se non nel caso di prima vendita del supporto contenente 
il fonogramma effettuata o consentita dal produttore in uno Stato membro;
c) di autorizzare il noleggio ed il prestito degli esemplari dei suoi 
fonogrammi. Tale diritto non si esaurisce con la vendita o con la 
distribuzione in qualsiasi forma degli esemplari;
d) di autorizzare la messa a disposizione del pubblico dei suoi fonogrammi 
in maniera tale che ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento 
scelti individualmente. Tale diritto non si esaurisce con alcun atto di 
messa a disposizione del pubblico. 

Art. 73 

1. Il produttore di fonogrammi, nonché gli artisti interpreti e gli artisti 
esecutori che abbiano compiuto l'interpretazione o l'esecuzione fissata o 
riprodotta nei fonogrammi, indipendentemente dai diritti di distribuzione, 
noleggio e prestito loro spettanti, hanno diritto ad un compenso per 
l'utilizzazione a scopo di lucro dei fonogrammi a mezzo della 
cinematografia, della diffusione radiofonica e televisiva, ivi compresa la 
comunicazione al pubblico via satellite, nelle pubbliche feste danzanti, nei 
pubblici esercizi ed in occasione di qualsiasi altra pubblica utilizzazione 
dei fonogrammi stessi. L'esercizio di tale diritto spetta al produttore, il 
quale ripartisce il compenso con gli artisti interpreti o esecutori 
interessati. 

2. La misura del compenso e le quote di ripartizione, nonché le relative 
modalità, sono determinate secondo le norme del regolamento. 

3. Nessun compenso è dovuto per l'utilizzazione ai fini dell'insegnamento e 
della comunicazione istituzionale fatta dall'Amministrazione dello Stato o 
da enti a ciò autorizzati dallo Stato. 

Art. 73-bis 

1. Gli artisti interpreti o esecutori e il produttore del fonogramma 
utilizzato hanno diritto ad un equo compenso anche quando l'utilizzazione di 
cui all'art. 73 è effettuata a scopo non di lucro. 

2. Salvo diverso accordo tra le parti, tale compenso è determinato, riscosso 
e ripartito secondo le norme del regolamento. 

Art. 74 

1. Il produttore ha il diritto di opporsi a che l'utilizzazione dei 
fonogrammi, prevista negli articoli 73 e 73-bis, sia effettuata in 
condizioni tali da arrecare un grave pregiudizio ai suoi interessi 
industriali. 

2. Su richiesta dell'interessato, il Ministero per i beni e le attività 
culturali, in attesa della decisione dell'autorità giudiziaria, può 
nondimeno autorizzare l'utilizzazione dei fonogrammi previi accertamenti 
tecnici e disponendo, se occorra, quanto è necessario per eliminare le cause 
che turbano la regolarità dell'utilizzazione. 

Art. 75 

1. La durata dei diritti previsti nel presente capo è di cinquanta anni 
dalla fissazione. Tuttavia, se durante tale periodo il fonogramma è 
lecitamente pubblicato ai sensi dell'articolo 12, comma 3, la durata dei 
diritti è di cinquanta anni dalla data della sua prima pubblicazione. 

Art. 76 

1. I supporti contenenti fonogrammi non possono essere distribuiti se non 
portano stabilmente apposte le indicazioni di cui all'articolo 62, in quanto 
applicabili. 

Art. 77 

I diritti previsti da questo capo possono essere esercitati se sia stato 
effettuato il deposito presso la presidenza del Consiglio dei Ministri, 
secondo le norme del regolamento, di un esemplare del disco o 
dell'apparecchio analogo. 

Tuttavia le formalità del deposito di cui al primo comma, quale condizione 
dell'esercizio dei diritti spettanti al produttore, si riterrà soddisfatta 
qualora su tutti gli esemplari del disco o apparecchio analogo risulti 
apposto in modo stabile il simbolo (P), accompagnato dall'indicazione 
dell'anno di prima pubblicazione. 

Art. 78 

1. Il produttore di fonogrammi è la persona fisica o giuridica che assume 
l'iniziativa e la responsabilità della prima fissazione dei suoni 
provenienti da una interpretazione o esecuzione o di altri suoni o di 
rappresentazioni di suoni. 

2. E' considerato come luogo della produzione quello nel quale avviene la 
diretta registrazione originale. 


***Diritti degli artisti interpreti e degli artisti esecutori.*** 

Art. 80 

1. Si considerano artisti interpreti ed artisti esecutori gli attori, i 
cantanti, i musicisti, i ballerini e le altre persone che rappresentano, 
cantano, recitano, declamano o eseguono in qualunque modo opere 
dell'ingegno, siano esse tutelate o di dominio pubblico. 

2. Gli artisti interpreti e gli artisti esecutori hanno, indipendentemente 
dall'eventuale retribuzione loro spettante per le prestazioni artistiche dal 
vivo, il diritto esclusivo di:
a) autorizzare la fissazione delle loro prestazioni artistiche;
b) autorizzare la riproduzione diretta o indiretta, temporanea o permanente, 
in qualunque modo o forma, in tutto o in parte, della fissazione delle loro 
prestazioni artistiche;
c) autorizzare la comunicazione al pubblico, in qualsivoglia forma e modo, 
ivi compresa la messa a disposizione del pubblico in maniera tale che 
ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento scelti 
individualmente, delle proprie prestazioni artistiche dal vivo, nonché la 
diffusione via etere e la comunicazione via satellite delle prestazioni 
artistiche dal vivo, a meno che le stesse siano rese in funzione di una loro 
radiodiffusione o siano già oggetto di una fissazione utilizzata per la 
diffusione. Se la fissazione consiste in un supporto fonografico, qualora 
essa sia utilizzata a scopo di lucro, è riconosciuto a favore degli artisti 
interpreti o esecutori - il compenso di cui all'art. 73; qualora non sia 
utilizzata a scopo di lucro, è riconosciuto a favore degli artisti 
interpreti o esecutori interessati l'equo compenso di cui all'art. 73-bis;
d) autorizzare la messa a disposizione del pubblico in maniera tale che 
ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento scelti 
individualmente, delle fissazioni delle proprie prestazioni artistiche e 
delle relative riproduzioni;
e) autorizzare la distribuzione delle fissazioni delle loro prestazioni 
artistiche. Il diritto non si esaurisce nel territorio della Comunità 
europea se non nel caso di prima vendita da parte del titolare dei diritto o 
con il suo consenso in uno Stato membro;
f) autorizzare il noleggio o il prestito delle fissazioni delle loro 
prestazioni artistiche e delle relative riproduzioni: l'artista interprete o 
esecutore, anche in caso di cessione del diritto di noleggio ad un 
produttore di fonogrammi o di opere cinematografiche o audiovisive o di 
sequenze di immagini in movimento, conserva il diritto di ottenere un'equa 
remunerazione per il noleggio concluso dal produttore con terzi. Ogni patto 
contrario è nullo. In difetto di accordo da concludersi tra l'IMAIE e le 
associazioni sindacali competenti della confederazione degli industriali, 
detto compenso è stabilito con la procedura di cui all'articolo 4 del 
decreto legislativo luogotenenziale 20 luglio 1945, n. 440. 

3. 1 diritti di cui al comma 2, lettera e), non si esauriscono con alcun 
atto di comunicazione al pubblico, ivi compresi gli atti di messa a 
disposizione del pubblico. 

Art. 81 

Gli artisti interpreti e gli artisti esecutori hanno il diritto di opporsi 
alla comunicazione al pubblico o alla riproduzione della loro recitazione, 
rappresentazione o esecuzione che possa essere di pregiudizio al loro onore 
o alla loro reputazione. 

Sono applicabili le disposizioni del comma secondo dell'art. 74. 

Per quanto attiene alla radiodiffusione, le controversie nascenti 
dall'applicazione del presente articolo sono regolate dalle norme contenute 
nel comma 1 dell'art. 54. 

Art. 82 

Agli effetti dell'applicazione delle disposizioni che precedono, si 
comprendono nella denominazione di artisti interpreti e di artisti 
esecutori: 

1) coloro che sostengono nell'opera o composizione drammatica, letteraria o 
musicale, una parte di notevole importanza artistica, anche se di artista 
esecutore comprimario; 

2) i direttori dell'orchestra o del coro; 

3) i complessi orchestrali o corali, a condizione che la parte orchestrale o 
corale abbia valore artistico di per sé stante e non di semplice 
accompagnamento. 

Art. 83 

1. Gli artisti interpreti e gli artisti esecutori che sostengono le prime 
parti nell'opera o composizione drammatica, letteraria o musicale, hanno 
diritto che il loro nome sia indicato nella comunicazione al pubblico della 
loro recitazione, esecuzione o rappresentazione e venga stabilmente apposto 
sui supporti contenenti la relativa fissazione, quali fonogrammi, 
videogrammi o pellicole cinematografiche. 

Art. 84 

1. Salva diversa volontà delle parti, si presume che gli artisti interpreti 
ed esecutori abbiano ceduto i diritti di fissazione, riproduzione, 
radiodiffusione, ivi compresa la comunicazione al pubblico via satellite, 
distribuzione, nonché il diritto di autorizzare il noleggio contestualmente 
alla stipula del contratto per la produzione di un'opera cinematografica o 
audiovisiva o sequenza di immagini in movimento. 

2. Agli artisti interpreti ed esecutori che nell'opera cinematografica e 
assimilata sostengono una parte di notevole importanza artistica, anche se 
di artista comprimario, spetta, per ciascuna utilizzazione dell'opera 
cinematografica e assimilata a mezzo della comunicazione al pubblico via 
etere, via cavo e via satellite un equo compenso a carico degli organismi di 
emissione. 

3. Per ciascuna utilizzazione di opere cinematografiche e assimilate diversa 
da quella prevista nel comma 2 e nell'articolo 80, comma 2, lettera e), agli 
artisti interpreti ed esecutori, quali individuati nel comma 2, spetta un 
equo compenso a carico di coloro che esercitano i diritti di sfruttamento 
per ogni distinta utilizzazione economica. 

4. Il compenso previsto dai commi 2 e 3 non è rinunciabile e, in difetto di 
accordo da concludersi tra l'istituto mutualistico artisti interpreti 
esecutori e le associazioni sindacali competenti della confederazione degli 
industriali, è stabilito con la procedura di cui all'articolo 4 del decreto 
legislativo luogotenenziale 20 luglio 1945, n. 440. 

Art. 85 

I diritti di cui al presente capo durano cinquanta anni a partire dalla 
esecuzione, rappresentazione o recitazione. Se una fissazione 
dell'esecuzione, rappresentazione o recitazione è pubblicata o comunicata al 
pubblico durante tale termine, i diritti durano cinquanta anni a partire 
dalla prima pubblicazione, o, se anteriore, dalla prima comunicazione al 
pubblico della fissazione. 

Art. 85-bis 

1. In aggiunta ai diritti già disciplinati nel presente capo e nei capi 
precedenti, ai detentori dei diritti connessi è riconosciuto il diritto di 
autorizzare la ritrasmissione via cavo secondo le disposizioni di cui 
all'art. 110-bis. 

 

Bene: come vedete *il nostro ordinamento giuridico* ci dice che se non c'è 
l'ok espresso del produttore, degli esecutori e degli interpreti, la musica 
è ***bloccata*** da tutti questi **diritti esclusivi** (sì, avete capito 
bene, sono diritti esclusivi al pari dei diritti d'autore).
La domanda è: senza mettere sotto licenza anche i diritti connessi, su quali 
basi è possibile distribuire quella musica su Internet e su quali basi gli 
utenti hanno diritto a scaricare quella musica? Sul buon senso? :)
Sull'ignoratia legis? Ignoratia lex non excusat. :D
C'è un problemone, signori, sono i diritti connessi: come lo risolviamo?
Le PI non possono risolverlo perché, come sapete, adottano parametri 
talmente rigidi che non sono ammesse modificazioni sostanziali della 
licenza. Glorioso che dice? 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it