[Cc-it] Il caso Guardabassi: atto finale bis

liver liver a barucca.com
Mar 23 Nov 2004 04:40:41 EST


Ringrazio tutti i partecipanti (e mi associo a Nicola nel ringraziare 
_soprattutto_ Guardabassi) per il miglior week end degli ultimi anni.
Tra i tanti temi affrontati, sporcati o insaporiti da eccessi di animo, ce 
n'e' uno che e' rimasto un po' irrisolto.
Temo che sia scandalosamente OT, ma mi spiace se non viene approfondito.
Cerco di riassumerlo con parole non mie. Sergio dice:
>Sarai pure un gran 
>guerrigliero del copyright, ma di notte. Di 
>giorno cerchi di vendermi piu' tonno. 
Qui non si litiga per far valere la propria opinione, o per pavoneggiare un 
atteggiamento free o open. Qui si discute come ciascuno di noi si guadagna da 
vivere _di giorno_. O meglio, se non ho capito male le parole di Sergio, con 
quanto _entusiasmo_ (una delle parole chiave) si approccia la professione che 
ci permette di sopravvivere.

Alessandro, ferito nel vivo, risponde:  
>pensi che
>lavorare nella pubblicità sia poco etico? Posso sapere perché?

Lo scontro, lo avete capito, e' tra due concezioni della vita completamente 
inconciliabili. Da un lato gli entusiasti, quelli che ti vendono il tonno con 
lo stesso spirito con cui compiono atti eroici, come ricorda Danilo alla cui 
ammirazione mi associo:
>Lo dico chiaro e tondo: IO MI VERGOGNO di non avere lo stesso coraggio (o la 
>stessa "follia", in senso "Erasmiano") di Guardabassi. 
Dall'altro quelli che vivono il proprio lavoro come una necessita' 
fisiologica, un po' come Neo dentro Matrix.
Il che non significa che io possa mettere il massimo impegno (e via, anche un 
pizzico di entusiasmo) nel produrre uno stimolante vegetale per migliorare la 
qualita' dei pomodori, ma stando bene attento a _volare basso_.
Mi rendo purtroppo conto che il mio approccio, quando di mestiere fai il 
pubblicitario, e' impossibile. Mentre e' addirittura necessario se fai 
l'avvocato, o peggio il poliziotto.

La questione non e' priva di conseguenze sul nostro approccio verso le CC.

Dice Sergio:
>Spiegaci allora cosa fai, ma attento - che magari 
>t'incasini ancora di piu'.
Sarebbe interessante conoscere da ognuno di voi, non tanto la professione, ma 
come la vive. E se considerate le CC un fondamentale mattone per la 
costruzione di un mondo diverso oppure no. Cio' non significa che non si 
potra' lavorare assieme a persone con approcci diversi, ma e' utile 
concoscere l'orientamento di chi ti sta vicino.

Se, come credo, la questione fosse eccessivamente fuori tema, lasciate 
semplicemente cadere questo messaggio nel vuoto. 

Michele Bottari

P.S.: Per la cronaca, sono molto vicino al modo di pensare di Sergio, anche se 
con meno acrimonia: produco concimi biologici volando basso e ritengo le CC 
un passo fondamentale per la costruzione di un mondo migliore.
Riguardo ai pubblicitari, li ritengo molto pericolosi, soprattutto quando 
cercano di diffondere la loro filosofia 'ricca di vuoto', come panacea di 
tutti i mali, tipo qui:
http://www.maestramica.it/weblab/consigli.html

-- 
--
Liver
From a linux pc



Maggiori informazioni sulla lista cc-it