[Cc-it] law: una questione tecnica

SM ragla a radiogladio.it
Lun 22 Nov 2004 13:04:40 EST


Vorrei porvi una questione squisitamente tecnica 
(ma assai OT), ringraziandovi per l'attenzione 
gia' da adesso:

nella mia licenza per la musica che metto in rete 
(che non è rilasciata sotto CC) ho pensato di 
modulare i vari diritti a seconda del tipo di 
utente. Per gli utenti finali, cioè gli 
ascoltatori, è disponibile in downloading 
gratuito per l'ascolto e lo streaming non profit. 
La radiodiffusione è libera, riportando i crediti 
originali. Per i musicisti c'e' un meccanismo 
virale sulle opere derivate (il campionamento), 
mentre per gli editori/publisher on e offline si 
deve richiedere l'autorizzazione (molto 
semplicemente, anche per email, e spessissimo 
viene concessa gratuitamente). Il copyright (e 
cioe' la proprieta' del master originale) e' mio 
al 100% a scanso di questioni (non viviamo in un 
mondo migliore: ci piacerebbe, forse lo 
miglioreremo ma per adesso no).

Questo indipendentemente dalla Siae, alla quale 
sono depositati come miei al 100% e con la 
dicitura P.A. (proprieta' dell'autore, senza 
edizioni). In molti casi la pubblicazione online 
può infatti generare ricavi sul fronte del 
diritto d'autore, soprattutto se chi scarica non 
e' un semplice ascoltatore. Mi e' successo 
l'altro giorno e non e' la prima volta. Oltre al 
fatto che la Siae (almeno nei suoi scopi) 
dovrebbe anche tutelarmi (e se glielo chiedo un 
pochino lo fa) dai molti ladroni della musica. E 
farmi incassare automaticamente sulla base delle 
copie stampate nella pubblicazione offline. Ma 
non e' questo il punto.

Le mie domande sono:

Le licenze CC sono anche loro modulate a seconda 
del tipo di utente? Su questo sono perplesso, e 
mi parrebbe di no ma non sono cosi' scaltro. Si 
distingue invece tra commercial e non commercial. 
E' possibile modulare i diritti a seconda degli 
utenti sotto CC?

Non vi pare che questa distinzione potrebbe 
contribuire a rendere piu' efficace, certo e 
funzionale il meccanismo (soprattutto in Europa)? 
E se un ascoltatore poi diventa musicista, dj o 
editore (e in rete succede ogni giorno) 
semplicemente usa un nuovo, diverso ma armonioso 
set di regole.

Grazie
SM

PS. solo per precisare, che senno' pare che 
mordo. In tanti anni di internet non ho mai 
mandato la yakuza a nessuno. Ho mandato alcune 
email affettuosamente minacciose a siti di 
entusiasti coi miei mp3 senza permesso (e poi 
gliel'ho dato), alcuni messaggi di diffida 
(principalmente a "portali di mp3" con dei deep 
link ai miei file, che nella mia lingua vuol 
dire: "Io mostro i miei banner mentre lui ascolta 
la tua musica usando la tua banda ma senza vedere 
il tuo sito") che pure hanno funzionato (anche se 
i file nei miei siti adesso sono zippati), e una 
serissima ma buffissima email in cui mi fingevo 
uno studio legale ad un imbecille che fingeva di 
non sentire e che, appena ha letto una fesseria 
come studiolegaleXxxx a yahoo.com, s'e' spaventato 
e ha tolto subito il mio pezzo (codificato pure 
male). Detto questo ci sono dozzine di siti con 
mia musica LEGALMENTE ONLINE e personalmente ne 
ho diversi che contengono musica mia.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it