[Cc-it] buon viaggio

SM ragla a radiogladio.it
Lun 22 Nov 2004 08:55:22 EST


Salve,
mi sono reiscritto brevemente giusto per spiegare 
com'e' che mi cancello da questa lista.

Mi occupo di copyright dalla fine degli anni '80, 
non solo come questione teorica e politica ma 
anche e soprattutto in quanto produttore di 
contenuti (musica, scrittura, radio, etc.). Nel 
corso degli anni ho sperimentato diverse 
modalita' (e ne ho discusse infinite) alcune 
anche fortemente disobbedienti. Il mio non e' un 
problema accademico, bensi' una necessita' 
urgente: individuare nuove modalita' di 
interazione con chi ascolta la mia musica e legge 
quello che scrivo.

Dal '99 (anno di nascita di radiolilliput.org, 
ormai chiusa) sono una specie di helpdesk a 
conduzione singola su questi temi, come potra' 
confermare chiunque agisca nel mondo della nuova 
musica italiana e dell'editoria indipendente on e 
offline.

Ecco le mie obiezioni:

*) CC in generale: leggendo i documenti e le 
licenze originarie ho molto ridimensionato il mio 
entusiasmo per CC. Innanzitutto le chanches che 
questo tipo di licenza sia praticabile in Europa 
su prodotti artistici e' assai scarsa. I segnali 
in arrivo dalle PI non lasciano spazio a 
speranze. Inoltre la recente operazione Wired/CC 
mi ha confermato che si tratta dell'ennesimo 
esempio di capriola promozionale sul groppone di 
una buona causa. Gli anni '80 avevano Live aid, i 
'90 Pavarotti & Friends, il 2000 ha Creative 
commons. Allo stesso modo la fame nel mondo era 
una buonissima causa, ma questo non ha impedito a 
gente come Sting di farcisi pubblicita' (e non e' 
solo una mia opinione). Ritengo anche che le 
licenze CC (su cui contavo molto) si siano 
rivelate buone quanto le altre, inclusa la mia, 
se non peggiori. Quindi, nella migliore delle 
ipotesi, sara' solo un'altra alternativa insieme 
a copyzero, la radiogladio commons, etc.

*) GuardaGrossi: trovo SORPRENDENTE (come Dali', 
ma meno bello) che tra tanti paladini dei diritti 
che partecipano a questa lista nessuno abbia 
pensato ai diritti di Battiato. Cos'e', chi non 
pubblica sotto CC si merita qualsiasi 
trattamento, inclusa la distribuzione non 
autorizzata delle sue opere protette? Trovo 
Battiato insopportabile e lo pagherei perche' 
smettesse di fare quella musicaccia, ma non per 
questo gli nego il diritto di scegliersi la 
modalita' di distribuzione e copyright che 
preferisce. E trovo miserabile, drammatico e 
diseducativo questo dibattito tra insigni 
giuristi su chi ha torto e chi ha ragione, se 
guardabassi (che tra l'altro di mestiere fa lo 
spammer, come si evince da alecsandria.it) abbia 
fatto bene o male. Apprezzo molto chi 
disobbedisce, assai meno chi lo fa per farsi 
bello alle spalle degli altri (senza rischiare 
che una diffida). Chi scrive ha avuto, in anni 
non sospetti, un problema con la Siae proprio per 
aver diffuso una SUA PROPRIA canzone no 
copyright, rimettendoci perfino dei soldi. Ma, a 
differenza di Battiato, se guardabassi mi facesse 
lo stesso scherzo non gli manderei certo una 
diffida, ma la Yakuza.

*) Questa lista: sono andato a rileggermela 
praticamente dall'inizio. Senza entrare nel 
merito della qualita' dei post, del tono 
padronale di certi partecipanti (evidentemente 
gli "owners") e del tono generale delle 
discussioni, mi limito a constatare che quello di 
cui si parla qui, poi resta qui e basta. Le PI 
semplicemente NON esistono (e men che mai ci 
leggono, comprensibilmente), cosi' come non 
partecipano quegli autori che forse poi dovranno 
scegliere di pubblicare sotto CC - e senza i 
quali a CC resta solo guardabassi (che finalmente 
potra' spammare sotto share-alike). Qui ho 
trovato molti curiosi (la razza migliore del 
mondo), alcuni volenterosi di lusso (ciao 
Danilo), pochi esperti, qualche opportunista e un 
moderatore self-made polemico a vanvera (No, non 
scherzavo e no, non ho sbagliato: se mi si manca 
di rispetto m'incazzo). Francamente speravo in 
qualcosa di piu'.

Naturalmente finisco le mie traduzioni e, se non 
ho impegni, sarņ a Torino in luogo e data da 
precisarsi (per le PI: ho organizzato un 
dibattito al Leoncavallo il 30/10 e la data, 
l'ora e la lista degli interventi era disponibile 
mesi prima), in fondo alla sala ma con le 
orecchie ben aperte.

Ovviamente resto a disposizione di tutti, come 
sempre (dal 1998 la mia email e' pubblica e 
appare regolarmente su tutti i giornali per cui 
scrivo, spesso anche di questi argomenti). Ma 
scrivetemi personalmente, grazie.

Sergio Messina
http://www.radiogladio.it/
http://www.daridire.net/



Maggiori informazioni sulla lista cc-it