[Cc-it] Re: disclaimer

Thomas Margoni thomas.margoni a creativecommons.it
Lun 15 Nov 2004 13:55:58 EST


Magari è come dici tu, ed è proprio la mia laurea in giurisprudenza che 
non mi permette di capirlo.

Infatti, il disclaimer come tutto il resto è la trduzione di /poliicies 
con delle aggiunte tipo decreto urbani e responsabilità sui contenuti.
Noi di fatto stiamo compiendo una attività che è quella di creare un 
sito. Questa attività comporta delle conseguenze.
Non serve essere cc.org per scrivere un disclaimer, soprattutto quando 
esso è la traduzione del loro con tre modifiche (ti ricordo che quella 
sui marchi cc.it l'hai proposta te).
Se non mi sbaglio quando cc.org ci ha chiesto delle policies si riferiva 
proprio a questo: traduzione policies più adattazione se fosse necessario.
Ora se mi sfugge qualcosa di evidente ti prego di sottolinearmelo, 
altrimenti spiegami la tua apostasia.
Ah, una discussione si consiedra conclusa quando entrambi gli 
interlocutori sono d'accordo.



creatives a attivista.com wrote:

> Thomas Margoni Scrive:
> 
>> Secondo me, se da una parte possiamo lasciare la traduzione della 
>> pagina policies come traduzione del sito .org
>> dall'altra, siccome stiamo sviluppando un sito, è necessario avere la 
>> nostra pagina di disclaimers, la quale è appunto -come le licenze e la 
>> maggior parte del sito- la traduzionne e adattazione alla realtà 
>> italiana.
>> Non pubblicare un disclaimer non significa affatto declinare ogni 
>> responsabilità come detto da Danilo, anzi in certi casi l'esatto 
>> contrario.
>> Per cui secondo me la pagina disclaimer dovrebbe trnare a quello che 
>> era fino a qualche gg fa, non alle tre righe attuali.
> 
> 
> Danilo Moi risponde:
> Scusa Tom
> Hai capito  che quel disclaimer può essere solo tradotto a scopo 
> "informativo" e che non possiamo adottarlo come nostro disclaimer?
> Neanche "adattandolo": ***non siamo creativecommons.org**!!
> Tu stesso hai affermato qui
> "Guarda che il disclaimer è nato proprio così"
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-November/001597.html
> ora invece non "è più nato così"? :-)
> che è cambiato in 5 ore??
> Neanche le PI potrebbero adottare sul serio quel disclaimer.
> Non bisogna essere laureati in giurisprudenza per capirlo.
> Inoltre: il discosro del "disclaimer breve" è questo.
> "Noi facciamo questo, questo e quest'altro.
> Il lettore ha dubbi?
> Legga il disclaimer americano e chieda direttamente a 
> creativecommons.org: noi non siamo autorizzati e non possiamo dargli 
> nessun consiglio."
> Chiudiamo con il problema disclaimer.
> Un saluto
> Danilo Moi
> danilomoi at creativecommons.it
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> 
> 



Maggiori informazioni sulla lista cc-it