[Cc-it] Considerazioni finali su "musica free VS SIAE"

Walking Jew walking_jew a email.it
Lun 15 Nov 2004 05:51:15 EST


Salve a tutti.

Come promesso a tutti quelli con cui sono entrato in contatto diretto
questi giorni, raccolgo qui tutto quello che sono
riuscito a capire riguardo all'argomento di come evitare di pagare la
SIAE nel caso si "maneggi" musica con una licenza che ne permetta il
libero utilizzo. La mossa decisiva e' stata fatta dal fotonico (non
trovo altro aggettivo) Nicola Alcide Grassi, che non finiro' mai di
ringraziare.


Faccio una premessa: il mio indigare non riguarda direttamente le
licenze CC, ma generalmente una qualsiasi licenza che permetta lo
sfruttamento di un' opera musicale anche commercialmente (per
comodita' la chiamo licenza "free"). Inoltre mi scuso per il mio
linguaggio poco "avvocatoso", ma si sa, l'informatico e' uno strano
animaletto.





Il mio problema (da cui e' nato tutto) si puo' ricondurre per
similitudine a quello di aprire una webradio su internet che manda in
streaming musica appunto free, MA che chiede un tot di euro
d'abbonamento per essere ascoltata dato che i suoi brani (nonostante
siano free e quindi liberamente scaricabili da chiunque) vengono
streamati in anteprima mondiale assoluta.

Quindi si configura il fatto di "maneggiare" della musica non tutelata
dalla SIAE e questo maneggiare crea, direttamente ed indirettamente,
del guadagno alla mia "impresa".


Come regolare i rapporti con la SIAE? Bisogna pagare una tassa per la
diffusione online di musica a prescindere dalla sua natura?


Occhio, che rispondere a questa domanda equivale a rispondere: ma se
io ho un esercizio commerciale (pub, negozio , centro commerciale) e
mando in "filodiffusione"  (fa molto anni ottanta ma si capisce cosa
voglio dire) della musica free, devo pagare qualcuno?

o

io sono una discoteca di musica free... devo pagare la siae?


Beh vediamo un po'.


Per prima cosa si e' partiti dal regolamento SIAE in merito:

http://www.siae.it/Faq_sezione.asp?sezione=utilizzatori&divisione=Musica&argomento=Musica%20su%20Internet

e in particolare al punto 10

*****************************************************************************************
Sono stato autorizzato direttamente dagli autori ad utilizzare on line le loro opere:
devo comunque rivolgermi alla SIAE per la Licenza?

In questo caso si dovrebbe distinguere:

se l’autore non e associato o mandante della SIAE o delle Societa d’autori estere,
l’autorizzazione puo essere concessa direttamente da lui stesso;

se l’autore e rappresentato dalla SIAE l’autorizzazione va richiesta alla SIAE stessa,
  cui e stata affidata in esclusiva la tutela delle opere.
*****************************************************************************************

"autorizzato direttamente dagli autori",  con una licenza free, va da
se' con la licenza stessa, e quindi sembrerebbe che stiamo a posto.
pero' al punto 6  avviene l'impensato

*****************************************************************************************

E’ sufficiente ottenere la licenza della SIAE per usare la musica legalmente sul mio sito?

No, le Licenze SIAE sono molto chiare su questo punto: nell’autorizzazione,
che viene rilasciata in nome e per conto dei titolari del diritto d’autore
(autori ed editori), non sono compresi i “diritti connessi” che spettano
ai produttori fonografici e agli artisti interpreti ed esecutori per l’utilizzazione,
 rispettivamente, delle loro registrazioni e delle loro prestazioni artistiche
 (artt. 72 e segg. Legge 633/41 ). Per poter effettuare qualsiasi tipo di duplicazione,
  (compreso quello realizzato per il caricamento dei file sul server) utilizzando
  direttamente o indirettamente supporti registrati e quindi necessario ottenere
  la preventiva autorizzazione delle case discografiche.

****************************************************************************************

Quindi l'ultimo baluardo da sconfiggere sono i diritti connessi, dato
che ogni opera musicale e' figlia di tre genitori: l'esecutore,
l'interprete e il produttore (e il creatore, sempre che non coincida
con una figura sopra).

Se tutti gli aventi diritti (connessi e non) sottoscrivono per una
particolare opera musicale una licenza free (ricordo che per free
intendo una qualsiasi licenza che consenta lo sfruttamento commerciale
libero di un 'opera musicale) si scioglie il nodo gordiano e siamo
tutti felici e contenti.


Nella maggior parte dei casi tutte le figure convergono su una,
l'artista emergente che si autoproduce l'album e lo vuole rilasciare
free per farsi conoscere, ma generalmente basta una dichiarazione
della triade capitolina dell'opera musicale per stare tranquilli.


Questo in effetti e' il punto che ancora non mi e' chiaro (cioe' cosa
fare in pratica, sia dal punto di vista della webradio, che
dell'artista) ma dato che ancora non mi e' chiaro come si fa ad
"appiccicare" una licenza ad un 'opera musicale, penso che col tempo la
cosa si chiarira'. Magari se volete aggiungere qualcosa sarebbe bello.


Ah ! per onor di cronaca, nel caso della discoteca free, nicola mi ha
avvertito che un eventuale ispettore SIAE potrebbe fare storie sulla
mia motivazione, ma cito direttamente Nicola :
*****************************************************************************************

> io sono un gruppo che fa cover, cover di musica "ultra-free"
> 
> in questo caso l'esecutore sarei io, non iscritto alla siae. 
> 
> Faccio un concerto a pagamento. 
> 
> 
> Anche in questo caso non devo pagare nulla, giusto? 
> 
> sempre in virtu' delle stesse motivazioni? 
> 
> e concretamente cosa dovrei fare?

Secondo te un jazzista cosa scrive nel bordero': improvvisazione durante una
serata afosa? :-) 

Puoi fare cosi': metti tutto cio' che suoni sotto licenza e se arriva l'agente
SIAE mostragli la documentazione. Non ti escludo problemi, perche' la SIAE ha
ancora tante cose da imparare e da ammettere e non e' facile parlare con un
sordo. :-)
Posso solo dirti che se problemi ti saranno sollevati, ti saranno sollevati 
senza fondamento.
*****************************************************************************************

altra piccola regola di vita di Nicola molto bella:

*****************************************************************************************

Usa questa regola per tutto: una licenza che ti consente di esercitare
*tutti* i diritti patrimoniali, equivale, di fatto, al pubblico dominio 
derivato: gli unici diritti che restano esclusivi sono quelli morali.
Esempio: puoi *suonare* Vivaldi ovunque: la SIAE resta fuori gioco.
Se in discoteca suoni Vivaldi, sei a posto. :-)
Se mandi il cd di Vivaldi, invece, c'e' il problema dei diritti connessi.


(ma se mando l'mp3 di vivaldi dentro il mio computer invece sono a posto. o no? a questo
punto penso di si' Nd mia)



*****************************************************************************************

I problemi secondo me rimasti da sviscerare sono due:

1- la questione del bollino: io sono un autore che non e' iscritto
alla siae e voglio vendere i miei cd all'uscita del mio concerto o
on-line (a prescindere dalla licenza che ho adottato, piu' o meno free
o classica). Posso evitare di apporre bollini e stronzate varie?


2- (che deriva dalla precedente) questo ragionamento e' applicabile
anche a licenze sempre piu' restrettive (fino eventualmente ad
arrivare alla classica)?

Cioe' la SIAE e' un obbligo in ITALIA se io artista voglio "some
rights reserved" o al limite "all rights reserved" o posso farne a
meno? (con chiaramente tutto quello che comporta in pos e in neg)



Beh direi che e' tutto, se qualcuno ha delle correzione aggiunte o suggerimenti ben venga.



daniele


PPS non vorrei dire la cazzata mia, pero' magari messa in un italiano
piu' serio questa cosa potrebbe rientrare nella FAQ di CC italia, no?




 
 
 --
 Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f
 
 Sponsor:
 Prestiti e Finanziamenti con un semplice click, scopri subito se sei finanziabile cliccando qui
 Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=2910&d=15-11



Maggiori informazioni sulla lista cc-it