Re: Re: [Cc-it] Cos'è un'opera derivata?

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 14 Nov 2004 08:09:43 EST


Nicola, ti ringrazio per il chiarimento, ma ho ancora qualche dubbio.
Da quanto dici tu, il mio desiderio di chiarire al fruitore e di tutelarlo
sul fatto che può anche apportare modifiche ***non sostanziali*** a una mia
opera e pubblicarla specificando solamente che la sua è un'opera derivata
dalla mia non è attuabile attraverso le licenze Ccpl?

Nella definizione di Derivartive work nella licenza americana è scritto

a work based upon the Work or upon the Work and other pre-existing works,
such as a translation, musical arrangement, dramatization, fictionalization,
motion picture version, sound recording, art reproduction, abridgment,
condensation, ***or any other form in which the Work may be recast,
transformed, or adapted***, except that a work that constitutes a Collective
Work will not be considered a Derivative Work for the purpose of this
License.

Io lo interpreto diversamente da te. Sbaglio?

Grazie mille :-)
Lorenzo

----- Original Message -----
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Sunday, November 14, 2004 1:02 PM
Subject: Re: Re: [Cc-it] Cos'è un'opera derivata?


> Un'opera derivata è un'elaborazione di un'altra opera (detta originaria)
non
> è il frutto di una piccola modificazione. La licenza parla chiaro:
> "traduzione, arrangiamento musicale, adattamento teatrale, narrativo,
> cinematografico, registrazione di suoni, riproduzione d'arte, digesto,
> sintesi..." tutto ciò non fa capo al diritto di modificare (che comprende
> anche i minimi cambiamenti) ma a quello di elaborare, che riguarda solo i
> rifacimenti sostanziali ossia "le elaborazioni di carattere creativo
> dell'opera stessa, quali le traduzioni in altra lingua, le trasformazioni
da
> una in altra forma letteraria od artistica, le modificazioni ed aggiunte
che
> costituiscono un *rifacimento sostanziale dell'opera originaria*, gli
> adattamenti, le riduzioni, i compendi, le variazioni non costituenti opera
> originale...".
>
> Dunque, la licenza CC ti dà la possibilità di creare un'opera derivata
[che
> non sarà mai un'opera origina*le* (potrà forse essere opera origina*ria*
in
> rapporto ad altra opera da essa derivata)], che è cosa ven diversa dal
> cambiare una parola e attribuirsi la paternità dell'opera. Non sto a dire
se
> sia giusto o sbagliato: semplicemente il tenore letterale della licenza,
in
> ogni sua parte, esprime questo.
>
>
> Saluti (cc)opernicani, Nicola.
>
> ________________________________________
>
> e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it