Re: [Cc-it] Cos'è un'opera derivata?

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 14 Nov 2004 06:19:32 EST


Danilo, se tu credi "che la definzione di opera derivata data nelle licenze
sia troppo "generale" e possa creare notevoli equivoci e problemi", io
invece credo che una versione più "restrittiva" creerebbe una serie di
problemi ancora più gravi.

Mi viene quasi da pensare che il diritto d'autore tradizionale sia quello
che tu cerchi :-)
Mi pare che se tu prendi un'opera coperta da copyright puoi modificarla un
tot e tramutarla in una tua opera originale. Chiedo conferma a un legale in
lista.
A mio parere sarebbe necessario e fondamentale per garantire l'evoluzione
del sapere e il progresso.
Tutto sta in quanto sia quel tot.
Poniamo che sia il 20% (non lo so, bisognerebbe chiederlo a un legale). Io
prendo una foto la modifico del 20% e dico che è una mia opera. Non voglio
giudicare se questa prassi sia giusta o meno, se quel tot dovrebbe essere di
più o di meno...
Di certo mi domando come si possa stabilire con certezza che una foto o un
testo ecc. siano stati modificati del 20%: è sicuramente un problema; è a
mio parere impossibile stabilirlo, è immonitorabile e ingestibile; è una
forzatura che complica le cose.

Allora come autore preferisco dire "fate tutto quello che volete della mia
opera che distribuisco sotto licenza cc-attribution, proprio tutto". Provate
a venderla anche così com'è (l'attribution lo consente) e se ci riuscite
bravi, rosico un po' perché io non sono stato bravo quanto voi, ma
complimenti.

Se non avessi voluto permettere questo, avrei aggiunto la restrizione
noncommercial.

Cambiate anche solo una virgola e metteteci il vostro copyright.
Non mi importa che scriviate "(c) di Tizio e Lorenzo De Tomasi" o "(c) di
Lorenzo De Tomasi e Tizio" o "testi di Lorenzo De Tomasi e illustrazioni di
Tizio" ecc. Sta al vostro buonsenso, ai vostri sensi di responsabilità e di
colpa... e non voglio stare a sindacare. Non ne ho ne il tempo ne la voglia.
Ne sarei impossibilitato: dovrei setacciare internet e l'editoria stampata
alla ricerca di chi ha modificato la mia opera meno del 20% (sempre che nel
frattempo riesca a capire come determinare quel 20%) per poi fargli causa.

Mi basta che anche io abbia garantite le stesse libertà sulle altre opere
distribuite sotto medesima licenza e che scriviate a chiare lettere che è
un'opera derivata e che è stata modificata da Tizio rispetto all'originale
di Lorenzo De Tomasi. Che poi vogliate differenziare le parti scritte da me
da quelle scritte da voi o che vogliate creare un tuttuno indistinguibile o
altro, sono affari vostri, tanto c'è quella scritta che mi cita come autore
dell'opera originale e che chiarisce che quanto espresso in questa versione
derivata potrebbe non essere tutta farina del mio sacco.

Se non avessi voluto permettere ciò avrei scelto una cc-noderivatives.

E così via...

----- Original Message -----
From: <creatives a attivista.com>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Sunday, November 14, 2004 12:16 AM
Subject: [Cc-it] Cos'è un'opera derivata?


> Io credo che la definzione di opera derivata data nelle licenze sia troppo
> "generale" e possa creare notevoli equivoci e problemi.
> Più ci penso e più me ne convinco.
>
> Infatti:
> "Derivative Work" means a work based upon the Work or upon the Work and
> other pre-existing works, such as a translation, musical arrangement,
> dramatization, fictionalization, motion picture version, sound recording,
> art reproduction, abridgment, condensation, or any other form in which the
> Work may be recast, transformed, or adapted, except that a work that
> constitutes a Collective Work will not be considered a Derivative Work for
> the purpose of this License. For the avoidance of doubt, where the Work is
a
> musical composition or sound recording, the synchronization of the Work in
> timed-relation with a moving image ("synching") will be considered a
> Derivative Work for the purpose of this License.
>
> Domanda: se Pinco prende il romanzo di Pallino, cambia la disposizione dei
> capitoli e i loro titoli, taglia qualche paragrafo e ci aggiunge
> un'introduzione siamo di fronte a una "lecita" opera derivata ?
> Pinco può davvero scrivere: "Copyright Pinco e Pallino"??
>
> Un saluto
> Danilo Moi
> danilomoi at creativecommons.it
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it