[Cc-it] Re: risposta ultraveloce

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Sab 13 Nov 2004 08:36:45 EST


walking_jew at email.it scrive:
1 non vanno pagati gli autori delle stesse perche'
hanno rilasciato tutto come free 

Danilo Moi risponde:
Anzitutto dipende dalla licenza.
Ti faccio notare poi, banalmente, che "free" non significa "gratis".
ma scusa...ma che "copyleft" è sinonimo di "farsi sfruttare"?
Mi scuso per se il "tono" dell'email di precedente è stato un po' 
"drastico", ma è un punto fondamentale. 

Per quanto concerne le creative commons:
Tutte le creative commons prevedono la libera diffusione su media non 
commerciali, *alcune* (come la semplice attribution) anche su media 
commerciali.
Tutelare un'opera con una licenza Creative Commons **non significa** 
rifiutare i propri diritti economici!
Significa bensì tutelare i propri diritti economici in maniera ancora più 
forte, con una differenza sostanziale: non "reclamo" i miei diritti 
economici a chi di soldi non ne ha!! :-) (tanto non ne ha, che perdo tempo a 
chiederglieli?) 

Se di soldi ne ha ***DEVE PAGARE*** e pagare salato, non il 10 per cento 
(come ad esempio nei contratti medioevali che le case editrici fanno 
firmare...la mezzadria prevedeva il 50%, non so se mi spiego) ma, poichè è 
l'autore che decide tutte le modalità, è l'autore che decide **quanto farsi 
pagare***.
Tutelare un'opera con una licenza cc significa affermare: "guardate signori 
editori: io pubblico le mie opere come mi pare, se volete pubblicarmi 
seguite determinate regole, non rubatemi i miei diritti e pubblicate 
prevedendo la possibilità che io pubblichi contemporaneamente anche da 
qualche altra parte perchè ***l'opera è mia e non vostra***"
...qualche contratto prevede oggi la possibilità di pubblicare 
contemporaneamente con più editori?
(aumentando la possibilità di "vendere") 

Un saluto
Danilo Moi
danilomoi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it