[Cc-it] Re: perplessita' tecnica

SM ragla a radiogladio.it
Ven 12 Nov 2004 13:13:19 EST


Mille grazie per la risposta - utile e 
interessante (e perfino una buona notizia: la 
prevalenza includerebbe anche l'uso promozionale).

Conosco le licenze in originale e la natura 
bizzarra e' storia vecchia; dicono in inglese: 
Rome wasn't built in a day...;/)

Sfortunatamente non ero ancora in questa lista 
quando e' stato chiesto di parlare dei diritti 
d'autore ideali; peccato, essendo io un 
percipiente (quasi ventennale) di diritti 
d'autore reali avrei potuto dire la mia.

Non ho letto i vari draft, ma spero che siano 
stati testati con dei modelli d'uso realistici in 
Europa. Il mio interesse nella licenza CC non e' 
ne' accademico ne' di semplice utente ma di uno a 
cui piacerebbe individuare (e in parte lo ha 
anche gia' fatto) metodi legali per diffondere 
piu' correttamente il proprio lavoro continuando 
pero' a camparci onestamente.

SM

>SM Scrive:
>>Salve,
>>ho una perplessità tecnica, forse qualcuno mi 
>>puo' chiarire - grazie in anticipo.
>>Per "scopo di lucro" (o meglio la definizione 
>>in negativo "non commerciale") si intende 
>>esclusivamente il lucro diretto economico (per 
>>esempio la vendita al pubblico)?
>>Se per puro esempio la ditta X decidesse di 
>>distribuire gratuitamente nei propri negozi dei 
>>prodotti culturali coperti da una licenza CC 
>>che consenta la distribuzione senza lucro, 
>>potrebbe farlo?
>>E un portale potrebbe basare la propria offerta 
>>(e magari il proprio claim e successiva 
>>promozione) sulla distribuzione di files 
>>coperti da licenza non commercial?
>>La cosa mi lascia perplesso perche' se poi il 
>>sito in questione mettesse in questa pagina (la 
>>cui unica ragione di essere sono questi files) 
>>dei banner pubblicitari, forse poi potrebbe 
>>legalmente rifiutarsi di dividere cogli autori 
>>i proventi di questi banner - generati 
>>esclusivamente dalla qualità di questi prodotti 
>>culturali.
>
>La licenza "non commercial" utilizza il concetto 
>della prevalenza: una modalità di esercizio del 
>diritto patrimoniale *non prevalentemente* 
>intesa o diretta al perseguimento di un 
>vantaggio commerciale o di un compenso monetario 
>privato è *ammessa*.
>Adesso, però, non mettiamoci a discutere sulla 
>"strana" natura della "non commercial": 
>prendiamola "as it is". :)
>CC.org ci ha invitato a raccontare in lista *"i 
>nostri diritti d'autore ideali"* (frase 
>testuale) affinché le PI italiane potessero 
>elaborare un modo per inserirli nella licenza: 
>il fatto è che le PI si sono dotate di parametri 
>talmente rigidi che non ci è stato possibile 
>incidere minimamente sulla sostanza della 
>licenza, nemmeno in senso open content.
>Il risultato è che tra il draft 1 (traduzione 
>letterale della licenza) e il draft 2 (documento 
>finale, prodotto della public discussion, 
>documento che dovrebbe fare propri "i nostri 
>diritti d'autore ideali") c'è una differenza 
>meramente formale ed oltretutto minima.
>
>Saluti (cc)opernicani, Nicola.
>________________________________________
>e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it