[Cc-it] Lo strano amore per le Creative Commons

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 10 Nov 2004 05:25:01 EST


http://www.ilmarchiodelleidee.com/readnews.php?ID=710 

Copio e incollo visto che una CC mi consente di farlo. :) 


"Lo strano amore per le Creative Commons 

Interessante scambio di vedute apparso su Wired Magazine tra l'ex Ceo della 
Recording Industry Association of America (Riaa) Hilary Rosen e il promotore 
delle nuove licenze Creative Commons (CC) professor Lawrence Lessig.
I due rappresentanti di schieramenti tradizionalmente opposti hanno 
inaspettatamente trovato punti di accordo: in particolare Rosen si è detta 
sorpresa di scoprire che Lessig non sosteneva il furto della proprietà 
intellettuale (e come potrebbe sostenerlo un professore di legge?!?) e ha 
professato il suo amore per le CC "I'm still cynical about its origins, but 
I've come to love Creative Commons".
Per chi non conoscesse le CC queste sono licenze sviluppate dalla Stanford 
School e dalla Electronic Frountier Foundation che ridisegnano i criteri di 
utilizzo delle opere d'arte. Diverse sono le modalità di protezione offerte 
dalla CC a seconda delle esigenze dell'autore, tutte però contemplano la 
possibilità da parte dell'utente di utilizzare non a fini di lucro parti 
dell'opera se non l'opera nella sua interezza senza corrispondere alcunchè 
in termini economici all'autore o a chi ne detiene i diritti.
L'adozione delle CC è volontaria e garantisce comunque all'autore la 
paternità dell'opera ma conferisce all'utente una libertà di utilizzo 
sconosciuta sotto il regime del copyright. 

L'idea che ha portato alla loro nascita è stata dettata dalla considerazione 
che la protezione garantita dalle leggi sul copyright ha subito una serie di 
enforcement sempre maggiori col passare del tempo (soprattutto dalla nascita 
delle grandi aziende dell'entertainment e quindi dal secondo dopoguerra) che 
hanno portato la durata temporale della protezione da 28 anni dopo la morte 
dell'autore (per garantire anche a una generazione di eredi di continuare a 
monetizzare sui diritti dei celebri genitori) ai 70 post mortem garantita 
oggi, 95 anni dalla creazione dell'opera se questa è ceduta a un'azienda 
(caso sempre più frequente). Se le azioni di lobby per conto dei consumatori 
non hanno buon esito come quelle per conto dei settori dell'industria, lo 
strumento per contrastare gli interessi delle aziende è creare forme diverse 
e legali di tutela. Questo deve avere pensato Lessig che di fatto ha 
proposto un sistema legalmente ineccepibile di scarsa protezione della 
proprietà intellettuale. 

Così l'amore della Rosen per CC deve trovare spiegazioni che proveremo 
subito a fornire:
Rosen non può non capire (e dal suo articolo si evince chiaramente) che 
l'adozione massiccia delle CC stravolgerebbe il mercato del divertimento e 
spoglierebbe le aziende in possesso dei contenuti (testi, audio e video) 
della loro principale fonte di ricchezza, i contenuti appunto. L'industria 
non avrebbe alcun incentivo, o quanto meno ne avrebbe molti meno di oggi, a 
fare invesimenti e a spendere per la produzione e distribuzione di materiale 
utilizzabile senza esborso di denaro da parte dell'utente.
I contratti tra autore e industria dovrebbero necessariamente essere 
ristudiati e sicuramente sarebbero incentrati su clausole differenti: 
maggior peso avrebbero le esibizioni pubbliche e probabilmente i diritti di 
immagine.
Resta però evidente che l'industria discografica ad esempio non esisterebbe 
più così come la conosciamo oggi, e immaginiamo che pochi amministratori 
delegati sarebbero ansiosi di vedere un simile cambiamento.
Quindi gli apprezzamenti della Rosen sono sospetti, sembrano gli 
apprezzamenti di un campione che conosce le debolezze dello sfidante e sa di 
non essere a rischio di sconfitta.
Sarebbero forse gli artisti i primi a opporsi alle CC non adottandole? E' 
possibile ripensare all'industria del divertimento senza il copyright? 


New york Times :: 2 novembre 2004 

Gabriele De Palma" 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it