[Cc-it] Re: Ecco cosa dice la SIAE delle licenze CC: siete d'accordo?

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Dom 7 Nov 2004 15:28:35 EST


Il vantaggio per il "profano" (come me) è potersi concedere il lusso 
(notevole) di poter dire frescacce senza troppe conseguenze. (o quasi)
Ora sfrutterò questo prezioso bene: 

faccio riferimento a questo messaggio
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-November/001446.html 

/*
[[[Uno dei problemi è rappresentato dal fatto
che la legge sul copyright prevede che ogni diritto sull'opera spetta
all'autore della stessa; per questo motivo chiunque voglia utilizzarla per
creare un’opera nuova deve prima passare attraverso una serie di cavilli
burocratici con avvocati e permessi vari.]]]
*/ 

E' chiaramente falso (nonchè screditante per le creative commons) 

Questo discorso vale se l'opera non è tutelata da nessuna licenza (quindi 
"di default", come scriverebbe qualcuno ben noto in lista, è tutelata dal 
"diritto d'autore standard") 

Ma se l'opera è tutelata da una licenza nella quale si dichiarano 
esplicitamente determinate modalità di diffusione, copia e modifica (e 
queste modalità sono sottoscritte e dichiarate dall'autore, che si suppone 
non fosse ubriaco quando ha attribuito la licenza stessa) il discorso non ha 
più fondamento.
(Se poi questa licenza è stata dettagliatamente studiata per essere 
compatibile con il diritto d'autore stesso l'argomentazione crolla del 
tutto.) 

Le licenze di distribuzione/copia/modifica ,lo dico sempre da profano, 
esistono proprio per evitare il continuo ricorrere ad avvocati e cavilli.
Agli avvocati e ai cavilli si ricorre solo una volta: quando le si scrive o 
quando (come nel caso delle creative commons italiane) le si adatta. 

/*
Le Creative Commons sono licenze che
tutelano il creatore di un'opera permettendogli di mantenere il diritto
d'autore su di esse e contemporaneamente di garantirne il libero utilizzo
per determinati scopi [[[(non commerciali)]]] e a determinate condizioni.
*/ 

Anche questa è una imprecisione notevole.(non mi pare ci sia bisogno di 
argomentare) 

Concludo.
Sembra che si dica: non potrete aver nessun profitto se tutelate le vostre 
opere con una licenza creative commons, e inoltre avrete solo rogne con 
avvocati e con i loroi cavilli...venite da noi alla SIAE :-) 

Un saluto
danilomoi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it