[Cc-it] [domanda alle PI] Ecco cosa dice la SIAE delle licenze CC: siete d'accordo?

Nicola Alcide Grossi cc a copyzero.org
Dom 7 Nov 2004 11:34:05 EST


Nel suo servizio di News, SIAE parla anche delle licenze CC.
Vediamo cosa dice (metto tra [[[ ]]] le frasi più interessanti, sulle quali 
gradirei un commento da parte delle PI): 

 

26-04-2004 Dagli Stati Uniti 

Università di Torino e Cnr per bollini elettronici 

Stanno per giungere anche in Italia dagli Stati Uniti nuove licenze che 
regolano il copyright. Ogni file, immagine o testo dovrebbe essere 
contrassegnato da un bollino elettronico recante i contenuti di queste 
licenze, definite “Creative commons”. Sono promosse in tutta Europa da un 
gruppo di giuristi delle Università di Stanford, Harvard e Mit, guidato dal 
professor Lawrence Lessing. Per l'Italia saranno tradotte e riadattate in 
formato elettronico dal dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università 
di Torino e ldall'Ieiit-Cnr (l'Istituto di elettronica e di ingegneria 
dell'informazione e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale delle 
ricerche) che curerà le modalità del loro utilizzo in rete. Secondo Juan 
Carlos De Martin dell’Ieiit-Cnr “file musicali, filmati digitali, testi e 
altre creazioni intellettuali potranno essere trasmessi in Internet 
contrassegnati dalla specifica licenza, scelta dall’autore per il pubblico 
utilizzo, che chiarirà immediatamente gli usi permessi”. Si tratta di una 
soluzione che faciliterà sia gli utenti di Internet che i detentori del 
diritto d'autore sulle opere e che permetteranno l’accesso e l’utilizzo 
delle stesse in modo più flessibile. 

 

22-09-2004 A New York 

Gil e Byrne per Creative Commmons 

I musicisti Gilberto Gil, che è anche Ministro della Cultura del governo 
brasiliano, e David Byrne si sono esibiti per la prima volta insieme lo 
scorso 21 settembre alla Town Hall di New York. L'inedito incontro è 
finalizzato a devolvere gli incassi per la promozione e il sostegno delle 
licenze per il diritto d'autore definite Creative Commons. L'evento è stato 
organizzato dalla rivista "Wired". Le Creative Commons sono licenze che 
tutelano il creatore di un'opera permettendogli di mantenere il diritto 
d'autore su di esse e contemporaneamente di garantirne il libero utilizzo 
per determinati scopi [[[(non commerciali)]]] e a determinate condizioni. 

 

06-10-2004 GB 

Dj britannici e Creative Commons 

Dal primo di novembre, i DJ britannici potranno utilizzare la licenza 
Creative Common. Il prossimo mese la rivista inglese Wired magazine conterrà 
un CD, distribuito con licenza Creative Commons, il quale permetterà a 
chiunque di remixare brani di artisti come David Byrne e Gilberto Gil. 
Questa nuova forma di licenza utilizzata in Gran Bretagna permette ad autori 
e musicisti di decidere quali limiti fissare nello sfruttamento delle loro 
creazioni da parte di terzi. [[[Uno dei problemi è rappresentato dal fatto 
che la legge sul copyright prevede che ogni diritto sull'opera spetta 
all'autore della stessa; per questo motivo chiunque voglia utilizzarla per 
creare un’opera nuova deve prima passare attraverso una serie di cavilli 
burocratici con avvocati e permessi vari.]]] 

 

21-10-2004 Diritto d'autore e tecnologie 

L'università di Namur nel progetto Creative Commons 

Creative Commons, l'organizzazione internazionale no profit che mette a 
disposizione una serie di licenze "some right reserved" da sviluppare 
nell'ambito della creatività e dell'impresa, porterà le proprie iniziative 
anche in Belgio. Il partner prescelto è il Centre de Recherche Informatique 
et Droit dell'Università di Namur, fondato nel 1979 e operante nel settore 
dell'informatica e delle nuove tecnologie e della legislazione ad esse 
correlata. Le licenze di Creative Commons vengono condivise fra gli studiosi 
per favorire la ricerca e lo sviluppo delle tecnologie e consentono 
l'utilizzo condizionato delle opere. Il Belgio si unisce ad altri 13 paesi 
che già collaborano con Creative Commons: i partner italiani sono il 
Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Torino e l'Istituto di 
Elettronica e Ingegneria dell'Informazione e delle Telecomunicazioni del 
CNR. 

 

Saluti, Nicola Alcide Grossi.
_______________________________________ 

per la posta privata: nicola.grossi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it