[Cc-it] Re: Pubblicazione CD con Licenza CC

SM ragla a radiogladio.it
Sab 6 Nov 2004 13:01:06 EST


Le licenze CC come sono adesso funzionano in un regime di copyright 
(com'e' in america), mentre il nostro lo e' solo per i prodotti 
industriali (ecco perche' ho detto sw, ma forse non e' un buon 
esempio). Quindi per certi settori la licenza CC funziona meglio 
mentre per altri va armonizzata. Un altro esempio: tra la versione 
elettronica di un libro (che o leggi da schermo o ti stampi in 
proprio) e quella cartacea c'e' molta piu' differenza che tra un CD e 
un mp3, anche in termini di fruizione.

Mi pare peraltro di aver risposto ad ambedue le domande nei miei 
messaggi (fin troppo lunghi, sorry). Sono a disposizione per 
chiarimenti. Resto anch'io in attensa di un pronunciamento delle PI 
sulla questione - assolutamente centrale e decisiva.

Viceversa scrive Michele:

>Perdonatemi l'invadenza, ma sul sito della Siae scrivono che non e' possibile
>pubblicare musica gratis sul web a chi e' gia' iscritto.

Su questa questione non sono ultraaggiornato, ma in diverse occasioni 
(e per iscritto, cosa piu' importante) dei dirigenti Siae hanno 
parlato di una deroga per l'autopromozione che funziona cosi': se le 
canzoni sono tue (testo e musica) e non hai un editore, la siae 
considera il tuo sito web un'iniziativa autopromozionale. E in fondo 
e' logico: se paghi 100 alla Siae per l'uso di roba che e' tua, la 
Siae dovrebbe restituirti 95. Per questi siti non dovrebbero esserci 
problemi. Nel mio sito con musica (che risponde appieno a queste 
caratteristiche) ho messo questo disclaimer nelle faq:

Buongiorno, sono della Siae/ Polizia Postale/ Guardia di Finanza: chi 
ha la proprietà sui contenuti di questo sito?

La musica, gli scritti e le immagini contenute sono integralmente di 
proprietà degli autori, sia per quanto riguarda il copyright che la 
proprietà degli originali (i master, nel caso della musica). Questo è 
un sito autopromozionale, e come tale è attualmente esente dal 
pagamento della Siae, in attesa che una regolamentazione definitiva 
accordi chiaramente questo diritto a chi produce contenuti.

continua Michele:

>La SIAE chiede 1000 euro come cauzione ....
>Aldila' di questi balzelli (la siae e' legittimata a richiederli?),

Non solo lo e', ma in un mondo migliore (cioe' non questo) li 
richiederebbe anche a nome e per conto di molti piccoli musicisti la 
cui musica magari rimpolpa qualcuno dei tanti portali di merda che 
finiscono colla parola mp3 (tipo mymp3) e che ovviamente pagano tutti 
la siae. Anzi, per gente come http://www.buongiorno.com/it/ mi pare 
perfino un po' economico.

>  io vorrei
>sapere quali sono i canali per un giovane per iniziare una qualsiasi carriera
>musicale senza sottostare alle regole ingiuste.
>Dove possono suonare, se anche per suonare gratis ci si imbatte in permessi e
>scartoffie infinite dall'Enpals alla SIAE, all'INAIL, all'INPS etc....
>Non è possibile far giungere agli altri la propria arte gratuitamente?

Useranno gli stessi canali che abbiamo usato tutti per iniziare. Non 
per ripetere cose gia' note a tutti, ma i Centri Sociali negli ultimi 
10/15 anni hanno svolto questo ruolo essenziale. credo che stiamo 
tutti lavorando (qualcuno forse perfino inconsapevolmente) proprio 
per allargare la paletta di queste possibilita'.
SM



>On Sat, 6 Nov 2004 16:13:04 +0100
>pinna <pinna a autistici.org> ha scritto:
>>  > Nicola Alcide Grossi scrive:
>>>  Bene, mi sembra un argomento su cui fare chiarezza.
>>>  Invito dunque le PI ad esprimersi sul punto.
>>>  E' vero che le licenze CC "funzionano meglio con il software che 
>>>con la > musica"? Se sì, perché? Se no, perché?
>>>  Molte grazie. 
>>ma che senso ha questa domanda?
>>le licenze CC non sono fatte per il software.
>
>Il fatto che CC per il software consigli la GNU GPL non significa 
>che una licenza CC non sia utilizzabile per il software. Anzi, le 
>licenze CC sono un'alternativa non solo all'"All rights reserved" ma 
>anche alle licenze libere (soltanto 2 licenze CC su 6 sono libere).
>La domanda, comunque, ha ad oggetto un'affermazione non fatta da me, 
>ma da Sergio Messina. Trattandosi di una questione tecnica 
>strettamente legata alle licenze CC e di una certa "gravità", mi è 
>sembrato corretto chiedere alle PI la veridicità o la non veridicità 
>di quanto affermato da Sergio Messina (onde avere una risposta 
>ufficiale ed evitare discussioni del tipo: "Ma che senso ha qusta 
>domanda?" "Ce l'ha e come!" "No, non è vero!" "Ti dico di sì!" "E 
>invece no!). Dunque, "Ma che senso ha questa domanda?" lo considero 
>rivolto a Sergio Messina.
>
>>forse ti riferivi alle licenze libere in generale?
>>in questo caso credo che google possa aiutarti a trovare piu'
>>informazioni di quelle che possono darti le PI. sicuramente
>>le affinita' e le differenze tra software e opere creative
>>nell'impiego delle licenze libere sono state oggetto di molte
>>discussioni. qualcosa e' passato anche su questa lista, forse.
>>in ogni caso alcuni tentativi con google e un po' di keywords
>>appropriate ti saranno utili.
>
>Anche questo lo considero rivolto a Sergio Messina.
>
>Saluti, Nicola Alcide Grossi.
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it