[Cc-it] Re: Pubblicazione CD con Licenza CC]

S*phz scarph a autistici.org
Ven 5 Nov 2004 03:12:58 EST


idem....

-------- Messaggio Originale  --------
Oggetto: Re: [Cc-it] Re: Pubblicazione CD con Licenza CC
Data: Fri, 5 Nov 2004 00:02:54 +0100
Da: SM <ragla a radiogladio.it>
A: S*phz <scarph a autistici.org>
Referenze: <p06100507bdb030742410@[192.168.0.2]> 
<418A9586.2070906 a autistici.org>

Zac,
guarda che contribuisco alla lista proprio perche' mi piace l'idea di
CC. Credo che sia un po' troppo americana ma migliorabile.

Il problema e' che tra l'america e l'europa c'e' una differenza, e
cioe' che qui esiste il diritto d'autore mentre in america e' tutto
copyright (per dirla grossolanamente). Ecco come mai i Negativland mi
sono antipatici (e abbiamo discusso anche pubblicamente su questo):
perche' pensano anche loro che tutto il mondo sia l'america, vengono
qui e ci dicono come dobbiamo fare (con quelle facce la'). qui e'
diverso. Lo sforzo e' quello di armonizzare la buona (ma vecchia)
idea del "meno copyright" con la concezione europea di autore (che
non e' per niente malvagia, anzi).

Mi scrivi:

>perche' non fai campionamenti dai primi anni '90?

Perche' faccio roba nuova: http://www.daridire.net/

>RadioGladio e' stato uno dei progetti + interessanti (almeno ai 
>tempi, e' un po' che non ti seguo, ma ti ascoltavo a mazzetta nei 
>primi novanta :-)

Grazie assai. RadioGladio (1990) era rilasciata con una licenza
completamente free (no copyright), e lo e' stata per anni.

>Perche' te la pigli con le licenze CC

Non me la piglio affatto con CC: se lo facessi non parteciperei alla
lista. Si chiama critica costruttiva.

>  dicendo che c'e' gia' la liberta' di fare un sacco di cose con la 
>musica e poi ti lamenti che non ti consentono di campionare?

Perche' mentre l'aspetto formale mi interessa ed e' importante, ma io
vorrei andare oltre. Un esempio? Su mio consiglio i casino royale
hanno reso disponibili le parti vocali dei loro brani per
incoraggiare i remix, con una licenza assai interessante, che
assomiglia un po' a CC ed e' legalmente solida in Europa.

>Cmq per me che fare musica non sarai *mai* un lavoro, le CC mi hanno 
>aperto un mondo assai ampio importante...

Se con questo intendi che lo fai per hobby allora assolutamente si.
Se invece vuoi dire che la tua musica non sara' mai una merce (o una
commodity), quello lo decidono molti fattori, e non essere
adeguatamente protetti (rileggi la fine del mio messaggio in lista)
significa farsi fottere; te lo dico anche per esperienza.

>Nessuno ha detto che le licenze CC siano una panacea, permettigli 
>pero' il fatto di aver aperto una strada importante nella 
>ridefinizione del diritto d'autore.

E' una interessante sistematizzazione (in epoca di internet) di
un'idea assai antica. La stessa a cui si e' ispirato Stallmann, il
sottoscritto e per esempio la Shake (casa editrice underground). Se
vai a vedere nei loro vecchi libri (90/91) c'era sempre un disclaimer
interessante.
S





Maggiori informazioni sulla lista cc-it