[Cc-it] Re: Pubblicazione CD con Licenza CC]

S*phz scarph a autistici.org
Ven 5 Nov 2004 03:12:06 EST


il solito problema...l'avevo mandato solo al mittente ma non in lista...

-------- Messaggio Originale  --------
Oggetto: Re: [Cc-it] Re: Pubblicazione CD con Licenza CC
Data: Thu, 04 Nov 2004 21:48:06 +0100
Da: S*phz <scarph a autistici.org>
A: SM <ragla a radiogladio.it>
Referenze: <p06100507bdb030742410@[192.168.0.2]>

SM ha scritto:
> Salve,
> purtroppo la questione della musica e' assai complessa e spesso si 
> rischia di sovrapporre idee e metodi diversi.
> 
> scrive S*phz:
> 
>> secondo voi e' prematuro utilizzare questo commons deed nel booklet 
>> del CD?
>> http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/deed.it
> 
> 
> Questa licenza consente a chi ha il CD (quindi non necessariamente 
> l'utente finale, ma chiunque, anche versace o kataweb) di distribuire, 
> comunicare al pubblico, rappresentare, eseguire, recitare o esporre in 
> pubblico l'opera.
> 
> Questo e' normale, no? Se io mi compro un CD e poi lo uso in discoteca 
> lo sto "rappresentando". Quindi queste liberta' sono gia' tali di fatto. 
> E' vero che poi sui CD delle major c'e' scritto "Any unauthorized use 
> including copying, editing, lending, hiring, renting, exchanging, 
> duplication, public performance, radio, diffusion or television 
> broadcasting is strictly prohibited." ma ovviamente nessuno applica 
> queste regole, anzi:

beh, tanto per cominciare una licenza Creativecommons legalizza questo
tipo di utilizzo, cioe' io, ''autore'' del pezzo in questione, ti dico
che con questa musica ci fai quello che piu' ti piace, lo metti in
discoteca, lo campioni, ci fai una compilation, la metti sul tuo sito
ecc., e sei autorizzato a farlo purche' non lo fai diventare un prodotto
commerciale.

> e' formalmente giusto conferire formalmente questo 
> diritto agli utenti, ma francamente mi pare che gli utenti se lo siano 
> preso gia' da soli. E comunque basta non mettere quella dicitura che 
> tutti quei diritti non sono piu' riservati.

Non mi pare...mi pare che dal decreto urbani in poi con la connessione
adsl ci scarichi solo le email...
http://www.webalice.it/dominatore/download/Di-Gi-17-DecretoUrbani.mp3


> Poi c'e' il diritto di realizzare opere derivate: su questa questione il 
> modello che uso io lo trovate qui ( 
> http://www.radiogladio.it/copyright.htm in inglese; e' disponibile una 
> versione italiana). Un altra cosa che si puo' graduare e' chiedere il 
> permesso; per esempio se vuoi mettere questa musica in un film (o sul 
> tuo sito, insomma tutti gli utenti intermedi, che sono importanti e che 
> diventeranno sempre piu' importanti in futuro) devi chiedere il permesso 
> (e semmai pagare il giusto prezzo).

cmq la
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/
dice che non puoi fare un uso commerciale del pezzo in questione
e ci sono altri tipi di licenze tipo
http://creativecommons.org/license/sampling?format=audio
che nascono proprio in virtu' della possibilita' di campionamento di un
pezzo
(Negativeland docet)
Cmq c'e' un gruppo di persone, che qui si chiamano partner institutions,
  (ma non chiedermi perche' :-) che si sta sbattendo da un annetto e
mezzo per tradurre le licenze CC e adattarle alla legislazione italica.
Magari se aspetti un po' (a dicembre verra' presentata la prima
traduzione) scopri che cmq ci puoi fare un sacco di cose interessanti :-)

zac

> *) Vivere e lavorare in un mondo migliore, che mi consenta alcune 
> pratiche estetiche come il campionamento e il remix ;

perche' non fai campionamenti dai primi anni '90?
RadioGladio e' stato uno dei progetti + interessanti (almeno ai tempi,
e' un po' che non ti seguo, ma ti ascoltavo a mazzetta nei primi novanta :-)
Perche' te la pigli con le licenze CC dicendo che c'e' gia' la liberta'
di fare un sacco di cose con la musica e poi ti lamenti che non ti
consentono di campionare?
Cmq per me che fare musica non sarai *mai* un lavoro, le CC mi hanno
aperto un mondo assai ampio importante...
Nessuno ha detto che le licenze CC siano una panacea, permettigli pero'
il fatto di aver aperto una strada importante nella ridefinizione del
diritto d'autore.
bellaz
S*phz





Maggiori informazioni sulla lista cc-it