[Cc-it] [domanda alle PI] Re: Pubblicazione CD con Licenza CC

SM ragla a radiogladio.it
Gio 4 Nov 2004 19:51:21 EST


Per contribuire alla chiarezza:

La Siae nella musica svolge sostanzialmente due 
ruoli; innanzitutto riscuotere dei soldi 
(trattenendosi un 5% circa) da tutta una serie di 
utilizzatori (tra cui anche chi compra il CD ma 
in minima parte: il grosso viene da radio, 
televisioni, juke box... e non solo in Italia, ma 
grazie a convenzioni con le varie Siae anche nel 
mondo intero).

Poi la siae tutela "le opere" nei casi di plagio 
(che pero' non c'entrano col campionamento, come 
spiego piu' in basso). Una cosa che non ci 
riguarda: la musica che facciamo noi infrange 
altre leggi, ma non questa ;/)

Restano fuori tutta una serie di altri diritti, 
che non sono dell'autore (o dell'editore, una 
figura ottocentesca i cui ricavi sono legati a 
quelli degli autori da un perverso meccanismo che 
se interessa una volta vi spiego). Non solo, ma 
e' possibile fare un CD del quale non si e' 
affatto autori: Useppe canta eros ramazzotti, per 
esempio; in questo caso ramazzotti becca tutta la 
Siae e useppe ha questi altri diritti.

Ma se, come spesso accade a noi, siamo autori e 
interpreti, allora A PRESCINDERE (non 
completamente ma quasi) DALLA SIAE, noi possiamo 
utilizzare una licenza CC o simili. Queste 
licenze infatti perlopiu' regolano diritti e 
doveri dell'utente finale - e cioe' un privato 
(come me o voi) che ha quel file. E' piu' 
difficile che usi una licenza CC un artista che 
lavora con una major, proprio perche' questi 
diritti non sono suoi che in una minima parte e 
la licenza CC dovrebbe firmarla anche la company 
per la quale fa i CD.

Questi diritti sono molti e molto diversi: si va 
dal diritto di sincronizzazione (con delle 
immagini, per esempio) fino alle compile, le 
pubblicita', il web, e non sono regolati soltanto 
dalla siae ma anche da una trattativa diretta. La 
ragione e' che l'oggetto della vendita non e' 
solo la canzone (di cui si occupa la siae) bensi' 
i diritti d'uso del master, che sono un diritto 
industriale come il brevetto di un tipo di 
clistere.

Il problema dei remix, bastard, campionamenti, 
etc. e' che innanzitutto ci si appropria di una 
registrazione che e' di altri e la si riproduce 
sul proprio CD, mp3, etc. Questi altri di solito 
e' una corporation talmente stupida da scrivere 
"All rights reserved" sui CD; se chiedete ad un 
avvocato vi spiega che questa dicitura non 
significa niente. Questi se sentono un 
campionamento o un remix white cercano di 
bloccarlo. L'autore, come avente diritto, entra 
in scena dopo e c'entra poco: il campionamento 
puo' essere di pochi secondi ma 
riconoscibilissimo: non c'entra l'autore ma il 
proprietario del master.

La differenza con gli US e' proprio qui': loro 
considerano il diritto d'autore una forma di 
diritto industriale, mentre per noi il diritto 
d'autore, prima che essere economico e' morale 
(si chiama proprio cosi': diritto morale) e serve 
ad impedire che un mio brano vada a finire in uno 
spot Nike, se io non voglio. Questo diritto e' 
inalienabile e la legge mi protegge: questo 
meccanismo ovviamente puo' essere buono o cattivo 
a seconda se l'autore e' stronzo o meno.

Per concludere adesso che e' tardi: la siae (una 
siae, forse non questa) e CC potrebbero convivere 
tranquillamente (ma non com'e' la Siae adesso, 
ne' com'e' CC american version). Di piu': la Siae 
potrebbe avvantaggiarsi dalle licenze CC (che non 
la riguardano se non marginalmente). Io ho anche 
cercato di spiegarglielo alla Siae, e qualcuno mi 
aveva anche capito. Purtroppo non era un cretino 
e l'hanno subito spostato per evitare che facesse 
qualcosa di buono.

Penso che uno degli obiettivi delle PI sia 
proprio quello di fare un tentativo per 
armonizzare le licenze italiane con la Siae 
cercando un incontro e un dialogo. La Siae non e' 
un male in se': purtroppo e' gestita in un modo 
indifendibile e guarda solo al passato (il che 
non promette niente di buono ma tant'e': io sono 
quasi vent'anni che ci combatto).

S

PS: Software si, software no: purtroppo il 
software non e' nato nell'800 come il diritto 
d'autore ma nel '900, l'epoca del copyright. Un 
programmatore stipendiato ha l'obbligo di cedere 
i diritti sulla sua creativita', un fatto 
inconcepibile per un autore musicale, soprattutto 
in europa. Quindi il software non e', come 
sembrerebbe, un'opera dell'ingegno ma e' 
considerato come il clistere di prima, e questo 
puo' essere ceduto, reimpolpato, migliorato (o 
peggiorato), etc.

Non solo, ma la musica si differenzia dalle altre 
opere dell'ingegno per alcune ragioni: non esiste 
la letteratura di sottofondo (mentre la musica 
si), nessuno trasmette (ancora) software alla 
radio per accompagnare la giornata delle persone 
(mentre la musica si) e non si spendono venti 
milioni di dollari per avere 30 secondi di testo 
teatrale per uno spot (mentre la musica, e la 
grafica 3d, si). Questo non e' indice che la 
musica sia migliore. Dice solo che e' diventata 
una commodity, una forma di intrattenimento e di 
riempitivo onnipresente. E spiega come mai sulla 
musica siano cosi' accaniti mentre adobe in fondo 
tollera serial box senza troppi strilli. E 
perche' bisogna difendersi - o meglio attuare dei 
comportamenti che contemporaneamente sovvertano 
il mondo come lo conosciamo, allo scopo di 
favorire il nuovo, e ci consentano - sempre con 
decoro e onesta' - di riscuotere il giusto prezzo 
per il nostro ingegno (se lo vale).

>Sergio Messina scrive:
>>Purtroppo Creative Commons ha un difetto: e' 
>>parametrata sulla legislazione americana, che 
>>in materia di musica e' totalmente diversa 
>>dalla nostra (per certi versi migliore, per 
>>altri molto peggio). Quindi se funziona per un 
>>software, con la musica e' un po' un casino.
>
>>Perche' la legislazione sul copyright 
>>(software) e' del tardo '900 e riguarda un 
>>mondo di business, mentre la musica ha una 
>>serie di diritti diversi (anche se per natura 
>>sono creazioni simili) assolutamente 
>>ottocenteschi (ma ancora nella legge e 
>>nell'uso, e non tutti malvagi) non paragonabili 
>>a nessun'altra arte se non il cinema - in una 
>>certa misura.
>
>Nicola Alcide Grossi scrive:
>Bene, mi sembra un argomento su cui fare chiarezza.
>Invito dunque le PI ad esprimersi sul punto.
>E' vero che le licenze CC "funzionano meglio con 
>il software che con la musica"? Se sì, perché? 
>Se no, perché?
>Molte grazie.
>
>
>Saluti (cc)opernicani, Nicola.
>________________________________________
>e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it
>_______________________________________________
>Cc-it mailing list
>Cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it