[Cc-it] CC su Musica di Repubblica: alcune considerazioni e proposte

Andrea Glorioso andrea.glorioso a agnula.org
Lun 31 Maggio 2004 04:01:56 EDT


>>>>> "Lorenzo" == Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a creativecommons.it> writes:

    > Sicuramente  un articolo divulgativo  ben scritto da una persona
    > competente in  materia;    un testo  che   dimostra  quanto  sia
    > possibile     un genere      di  divulgazione  che    punta alla
    > comprensibilitÓ, alla    semplicitÓ,  e  alla    chiarezza senza
    > sacrificare la correttezza scientifica delle informazioni.

Andrei un po'  cauto nel  parlare  di "correttezza  scientifica" in un
articolo di poco piu`  di una pagina.   Al di  la` del problema  dello
spazio, che il  giornalista ha comunque  gestito molto meglio di tanti
altri  suoi colleghi, passati  e presenti,  non  posso che  notare che
"Linux" viene presentato come un "sistema operativo"  (cosi` non e`) e
che  non  c'e` menzione   del  progetto  GNU   o  della Free  Software
Foundation   (una mancanza resa  ancor  piu` significativa dal recente
ingresso dello  stesso Lessig nel direttorio di  FSF).  Questo mi pare
molto poco "scientifico"; ma dato che la natura umana e` quel che e` e
lo spazio giornalistico pure, va bene cosi`.

    > Proprio  questo articolo mi fa  sorgere  un dubbio fondamentale:
    > quanto noi attivisti,  partecipanti in prima persona al progetto
    > Creative   Commons  Italia, e    membri   di  questa  lista   di
    > discussione,  abbiamo contribuito  al  raggiungimento  di questo
    > traguardo e successo divulgativo?

    > Marco Deseriis, nel suo articolo, non cita minimamente la realtÓ
    > italiana, probabilmente ignaro del fatto che  ne esista una. 

E` un  problema  suo  di scarsa  attenzione  al dettaglio  in  fase di
ricerca.  Presso http://www.creativecommons.org/ basta andare in basso
a destra, e  selezionare "Italy" dal menu di  selezione per arrivare a
questa lista;  senza  contare che   una ricerca  di "creative  commons
italy" su Google fornisce tutte le informazioni del caso.

    >  Mi  dispiace dirlo,  ma  siamo  eccessivamente in ombra,  quasi
    > invisibili, persi nelle  nostre lente elecubrazioni in rete, con
    > rare  emersioni nel mondo reale.  

Che  sia necessaria e auspicabile un  maggior contatto con il mondo al
di fuori della rete (perche`, esiste  una cosa del  genere? :) e` fuor
di dubbio.  Definirsi come "persi  nelle nostre lente elucubrazioni in
rete" mi pare autolesionistico e  ingiusto: c'e` chi da tempo promuove
Creative Commons in giro per l'Italia (e non parlo di me, anche se nel
mio piccolo ho cercato di fare quel  che potevo).  Credo che creare un
punto in cui aggregare le notizie relative sia una  buona cosa, ma non
sono certo che il Blog sia il modo piu` efficiente per farlo.

D'altronde, le "lente elucubrazioni  in rete" servono,  perche` spesso
agire senza  valutare i pro  e i contro di quel  che  si fa puo` avere
effetti non desiderati.  Chi ha lottato a lungo per  e con il Software
Libero questo lo sa bene.

ciao,

--
Andrea Glorioso                      andrea.glorioso a agnula.org
AGNULA Technical Manager                 http://www.agnula.org/
M: +39 333 820 5723                     F: +39 (0)51 930 31 133
      "Libre Audio, Libre Video, Libre Software: AGNULA"



Maggiori informazioni sulla lista cc-it