[Cc-it] CC su Musica di Repubblica: alcune considerazioni e proposte

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 30 Maggio 2004 12:27:07 EDT


Venerdì, 28 Mag 2004, alle 19:20 Europe/Rome, skeggia ha scritto:

> Un amico mi dice che  sull'ultimo numero di musica, allegato il 
> giovedì con la Repubblica,
> c'è un articolo grosso (due pagine) su creativecommons.
>  
> qualcuno qui lo ha letto?

Come segnalato da Skeggia, su

Musica di Repubblica n 418, 27 Maggio 2004, pp. 24-25

c'è l'articolo di

Marco Deseriis, "Un patto in Rete per scaricare canzoni o testi 
liberamente. È la nuova sfida dell'«Elvis della cyber-legge», che portò 
Topolino alla Corte Suprema".

Sicuramente un articolo divulgativo ben scritto da una persona 
competente in materia; un testo che dimostra quanto sia possibile un 
genere di divulgazione che punta alla comprensibilità, alla semplicità, 
e alla chiarezza senza sacrificare la correttezza scientifica delle 
informazioni.
Un articolo che risente della ristrettezza dello spazio che gli è stato 
concesso e risolve il problema intelligentemente, incuriosendo e 
spronando i lettori all'approfondimento.

Una curiosità è che l'articolo comprende una microintervista a Lawrence 
Lessig e un articolo di Alex Infascelli, regista di "Almost Blue" e "Il 
siero delle vanità" , che dichiara di aver tratto maggiori 
soddisfazioni dalla distribuzione di copie pirata che da quella 
ufficiale di copie originali.

Con l'articolo di Marco Deseriis è stato finalmente raggiunto il 
traguardo di portare Creative Commons di fronte a un ampio pubblico 
italiano.
Prima di questo articolo, in Italia il tema era stato trattato 
esclusivamente da riviste e siti internet specialistici (principalmente 
di diritto e information technology): AnnoZero, Attivista, CopyDown, 
CopyWhat, Erroneo, My Tech, Opensource, Punto Informatico, ecc., per 
citarne solo alcuni.
Le uniche eccezioni sono state:
- la rete Indymedia che ha reso consapevoli giornalisti e 
professionisti della comunicazione;
- Progetto Grafico che, raggiungendo la maggioranza dei soci Aiap, ha 
contribuito a informare i professionisti della comunicazione grafica;
- Esseotto Radio, che ha avvicinato i musicisti indipendenti alle 
licenze libere attraverso una campagna attiva e costante.
(Se siete a conoscenza di altre iniziative,vi prego di segnalarle in 
lista.)

Quella su Musica di Repubblica è invece una pubblicazione ad ampissima 
diffusione nazionale (distribuita con uno dei principali quotidiani 
italiani) e con un vasto pubblico di lettori che vanno 
dall'appassionato esperto di musica, al curioso, coprendo pressoché 
ogni fascia d'età.
Mi auguro che questo "evento" aumenti notevolmente il grado nazionale 
di consapevolezza sulle Creative Commons e che porti a una vasta 
diffusione degli ideali della nostra comunità, più di quanto noi 
abbiamo fatto in tutti questi mesi di lavoro.

Proprio questo articolo mi fa sorgere un dubbio fondamentale: quanto 
noi attivisti, partecipanti in prima persona al progetto Creative 
Commons Italia, e membri di questa lista di discussione, abbiamo 
contribuito al raggiungimento di questo traguardo e successo 
divulgativo?

Marco Deseriis, nel suo articolo, non cita minimamente la realtà 
italiana, probabilmente ignaro del fatto che ne esista una. Non accenna 
al fatto che le licenze stiano per essere tradotte e adattate, non 
parla della mailing list, cita esclusivamente esempi internazionali 
come Linux, Wikipedia e "No Ghost Just A Shell", parodia condivisa del 
cartoon giapponese "Ghost in the Shell".
Mi dispiace dirlo, ma siamo eccessivamente in ombra, quasi invisibili, 
persi nelle nostre lente elecubrazioni in rete, con rare emersioni nel 
mondo reale. Forse la nascita a breve del sito contribuirà a farci 
uscire dal buio, ma in ogni caso dobbiamo essere più attivi nella 
diffusione e condivisione dei nostri ideali.
Non dobbiamo puntare in alto, ma contribuire tutti a informare e 
coinvolgere le persone che ci sono vicine e le personalità di spicco a 
livello nazionale in cui intravediamo un barlume di interesse per la 
filosofia di "alcuni diritti riservati". Dobbiamo farlo in modo 
autonomo e, contemporaneamente coordinato, agendo autonomamente e 
informando subito questa lista di ciò che abbiamo fatto, onde evitare 
di rifare ciò che qualcuno ha già fatto.
Per farvi alcuni esempi, recentemente nel mio piccolo
- ho tenuto alcune lezioni introduttive sulle CC all'Università di 
Architettura di Venezia IUAV, al master in Web Design & Strategy 
dell'Istituto Europeo di Design di Roma;
- ho organizzato e tenuto due conferenza a Roma in cui sono stati 
informati alcuni piccoli e grossi editori, come Apogeo, Stampa 
Alternativa e Voland e grazie a cui stanno nascendo interessanti 
contatti tra Provincia di Roma, Liber Liber, l'Associazione "Il Secolo 
della Rete", Shockart, il Senatore dei Verdi Fiorello Cortiana, l'Aiap 
e l'associazione Illustratori Italiani ecc.;
- sto lavorando con Marcello Baraghini di Stampa Alternativa affinché 
la casa editrice pubblichi parte dei suoi libri sotto licenze CC, 
lasciando i diritti d'autore nelle mani degli autori che avranno la 
possibilità di scegliere autonomamente la licenza che più li aggrada;
- ho informato Bruno Bozzetto dell'esistenza delle licenze CC e sto 
cercando di convincerlo a rilasciare i propri corti distribuiti su 
internet con licenze che ne permettano anche la modifica;

È un piccolo elenco di iniziative che ho intrapreso e che vorrei che 
servano come esempio perché anche voi facciate altrettanto.
Stiamo per mettere online il blog e il wiki del sito 
creativecommons.it. Vorrei che, Insieme a questa ML, diventassero lo 
strumento per coordinare il genere di attività che ho accennato e che 
sto per proporvi.

Per ora mi fermo.
A breve vi invierò altre proposte su mail separate.
Attendo le vostre opinioni.

Ciao a tutti,
Lorenzo



Maggiori informazioni sulla lista cc-it