[Cc-it] Re: uscita la versione 2.0 delle licenze CC

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Mer 26 Maggio 2004 11:46:03 EDT


Lorenzo de Tomasi ha scritto:

>Inoltro il messaggio di Glenn Otis Brown alla lista ufficiale 
>cc-licenses a lists.ibiblio.org.
>Qualcuno potrebbe tradurlo?
>
>Ciao,
>Lorenzo


E' una traduzione frettolosa e un po' grezza, non letterale, non 
riveduta né corretta, utile giusto per farsi un'idea, ma sempre meglio 
di niente :-P .
Riassumendo i punti salienti:

>The 2.0 licenses are very similar to the 1.0 licenses -- in aim, in structure, and, by and large, in the text itself. We've included, however, a few key improvements, thanks to your input. A quick list of new features follows. All section numbers refer to the Attribution-Noncommercial-ShareAlike 2.0[3] license.
>(Corresponding section numbers may vary across licenses.)
>
Le licenze 2.0 sono molto simili alle 1.0 -- nello scopo, nella 
struttura, e grossomodo, nel testo stesso. Abbiamo comunque incluso 
alcuni miglioramenti chiave, grazie ai vostri suggerimenti. Di seguito 
c'è una breve lista delle nuove caratteristiche. Tutti i numeri delle 
sezioni corrispondono alla licenza Attribuzione-NonCommerciale-Impegno a 
condividere 2.0 (i numeri delle sezioni possono variare a seconda delle 
licenze)

>***Attribution comes standard
>
>Our web stats indicate that 97-98% of you choose Attribution, so we
>decided to drop Attribution as a choice from our license menu[4] --
>it's now standard. This reduces the number of licenses from eleven
>possible to six and makes the license selection user interface that
>much simpler. Important to remember: Attribution can always be
>disavowed upon licensor request, and pseudonymous and anonymous
>authorship are always options for a licensor, as before. If we see a
>huge uprising against the attribution-as-stock-feature, we'll
>certainly consider bringing it back as an option.
>
***Attribuzione diventa standard
Le nostre statistiche web ci indicano che il 97-98% di voi sceglie 
Attribuzione, così abbiamo deciso di eliminarla dalla nostra lista di 
possibili scelte -- ora è standard. Questo riduce il numero delle 
licenze da 11 a 6 e rende decisamente più semplice l'interfaccia utente 
di selezione delle licenze. E' importante ricordare che Attribuzione può 
sempre essere rifiutata su richiesta del Licenziante, e anonime e 
pseudonime ::: sono sempre opzionali per il licenziante, come prima. Se 
dovessimo riscontrare una grande sollevazione contro la caratteristica 
Attribuzione-come-standard, riconsidereremo certamente la possibilità di 
riportarla ad opzionale.

>***Link-back attribution clarified
>
>Version 1.0 licenses did not carry any requirements to add hyperlinks
>as attribution. Under the 2.0 licenses, a licensor may require that
>licensees, to fulfill their attribution requirement, provide a link
>back to the licensor's work. Three conditions must be satisfied,
>though, before a licensee faces the linkback requirement: (1) linking
>back must be "reasonably practicable" -- you can't string me up for
>failing to link to a dead page, for example; (2) the licensor must
>specify a URL -- if you don't provide one specifically, I have no
>linkback obligation; (3) the link licensor provides must point to the
>copyright and licensing notice of the CC'd work -- in other words,
>licensors who abuse the linkback as an engine for traffic to unrelated
>sites don't enjoy linkback rights.
>
***Chiarimenti sul retrocollegamento Attribuzione

Le licenze 1.0 non richiedevano di aggiungere hyperlinks come 
attribuzione. Con le licenze 2.0 un licenziante può richiedere che il 
licenziatario -per soddisfare i requisiti della Attribuzione- fornisca 
un retrocollegamento all'opera del licenziante. Devono essere 
soddisfatte tre condizioni, prima che il licenziatario sia soggetto 
all'obbligo di retrocollegare: (1) il collegamento dev'essere 
"ragionevolmente praticabile" -- non puoi "impiccarmi" per non essere 
stato in grado di fare un collegamento ad una pagina "morta", per 
esempio; (2) il licenziante deve specificare un URL -- se non viene 
fornito, non c'è nessun obbligo a retrocollegare; (3) il link che il 
licenziante è obbligato a fornire deve puntare ad un avviso sul diritto 
d'autore e sulla licenza applicata sull'opera soggetta a licenza CC -- 
in alte parole il licenziante che abusa del diritto al retrocollegamento 
come un motore per aumentare il traffico su siti che non hanno nulla a 
che vedere, non beneficia del diritto al retrocollegamento.

>***Synch rights clarified
>
>The new licenses clarify when licensees may or may not synchronize
>musical CC'd works in timed-relation with a moving image. Basically,
>if a license allows derivatives, it allows the synching of music to
>video. If no derivs, no synching allowed. (See Section 1b[5].)  
>
*** Chiarimenti sul diritto al Sincronizzare
Le nuove licenze chiariscono quando il licenziante può o non può 
sincronizzare opere musicali soggette a licenza CC in relazione-tempo 
con una immagine in movimento. In pratica se la licenza permette opere 
derivate, se consente di sincronizzare musica ad un video. Se non sono 
permesse opere derivate, non è permesso sincronizzare.

>***Other music-specific rights clarified
>
>The default rules for music-related copyrights can be particularly
>complicated, and the 2.0 licenses go to greater length to clarify how
>various CC license options affect music rights. In a nutshell: If you
>pick the "noncommercial" provision, you retain the right to collect
>royalties from BMI, ASCAP, or the equivalent for performance
>royalties; from Harry Fox or the equivalent for mechanicals; and from
>SoundExchange or the equivalent for webcasting compulsories. If you
>allow commercial re-use, you waive the exclusive rights to collect
>these various revenue streams. This is not a departure from the policy
>embodied in the 1.0 licenses -- these same results would be
>extrapolated by any reasonable interpretation. But 2.0 just makes it
>all clearer, and using the language of the profession. (See Sections
>4e and 4f[6].) Note: This music-specific language marks the first time
>we've referred to any specific statutes in the generic CC licenses.
>This means that future iCommons licenses will have to do the same
>somewhat complicated mapping exercise for each respective
>jurisdiction.  
>
***Chiarimenti su altri diritti sulla musica
Le regole base per diritti d'autore collegati alla musica possono essere 
particolarmente complicate, e le licenze 2.0 si muovono decisamente 
nella direzione di chiarire come le varie opzioni delle licenze CC 
influiscono sui diritti sulla musica. In Sintesi: se scegli la clausola 
"NonCommerciale", mantieni il diritto di ricevere royalties: da BMI, 
ASCAP, o equivalenti per le royalties da rappresentazione; da Harry Fox 
o equivalenti per le royalties per "mechanicals" e da SoundExchange o 
equivalenti per "webcasting compulsories". Se consenti il riutilizzo 
commerciale, rinunci a questi vari flussi di entrate. Questa non è una 
rottura con la politica contenuta nelle licenze 1.0 -- questi stessi 
risultati potrebbero essere raggiunti tramite qualunque ragionevole 
interpretazione. Ma 2.0 rende tutto più chiaro, e usando un linguaggio 
tecnico dei professionisti (vedi Sezioni 4.e e 4.f). Questo linguaggio 
specificamente "musicale" segna la prima volta che facciamo riferimento 
ad una specifica norma nelle licenze CC generiche.
Questo significa che le future licenze iCommons dovranno in qualche modo 
compiere lo stesso complicato esercizio di localizzazione per ciascuna 
rispettiva giurisdizione.

>***Warranties? Up to licensors
>
>Unlike the 1.0 licenses, the 2.0 licenses include language that makes
>clear that licensors' disclaim warranties of title, merchantibility,
>fitness, etc. As readers of this blog know by now, the decision to
>drop warranties as a standard feature of the licenses was a source of
>much organizational soul-searching and analytical thinking for us.
>Ultimately we were swayed by a two key factors: (1) Our peers, most
>notably, Karl Lenz[7], Dan Bricklin[8], and MIT[9]. (2) The
>realization that licensors could sell warranties to risk-averse,
>high-exposure licensees interested in the due diligence paper trial,
>thereby creating nice CC business model. (See the Prelinger Archive
>[10] for a great example of this free/fee, as-is/warranty approach.)
>You can find extensive discussion of this issue[11] in previous posts
>on this blog. (See Section 5[12].)  
>
***Garanzie? Spettano al licenzianti.
A differenza delle licenze 1.0, le licenze 2.0 sono formulate in un 
linguaggio che chiarisce l'esclusione di garanzie da parte del 
licenziante, riguardo a titolo, commerciabilità, corretta forma, ecc. 
Come i lettori di questo blog già sapranno, la decisione di eliminare le 
garanzie dalle licenze è stata una decisione particolarmente sofferta. I 
due fattori chiave che hanno condotto alla nostra scelta sono stati:  
(1) I nostri pari, soprattutto Karl Lenz, Dan Bricklin, and MIT. (2) 
L'aver compreso che i licenzianti avrebbero potuto vendere queste 
garanzie a licenziatari ad alta esposizione e avversi al rischio, 
interessati in una prova cartacea della dovuta accuratezza, creando così 
un nuovo modello commerciale CC.

>***Share Alike Across Borders
>
>Version 2.0 licenses that feature the Share Alike requirement now
>clarify that derivatives may be re-published under one of three types
>of licenses: (1) the exact same license as the original work; (2) a
>later version of the same license as the original work; (3) an
>iCommons license that contains the same license elements as the
>original work (e.g. BY-SA-NC, as defined in Section 1[13] of each
>license). The version 1.0 licenses required that derivative be
>published under the *exact same license* only. Our tweak means much
>better compatibility across future jurisdiction-specific licenses and,
>going forward, across versions. Less forking, more fun. (See Section
>4b[14].)
>
***Impegno a Condividere attraverso i confini
La versione 2.0 delle licenze che richiedono un "Impegno a Condividere" 
ora chiariscono che le opere derivate possono essere ri-pubblicate sotto 
uno di questi tre tipi di licenza: (1) la medesima licenza dell'opera 
originale, (2) una versione successiva della medesima licenza dell'opera 
originale; (3) una licenza iCommons che contenga gli stessi elementi 
della licenza dell'opera originale. (ad esempio BY-SA-NC, come definito 
nella sezione 1 di ciascuna licenza). Le licenze 1.0 richiedevano che 
l'opera derivata fosse pubblicata esclusivamente sotto la medesima 
licenza dell'opera originale. Queste modifiche significano una migliore 
compatibilità tra diverse future licenze localizzate e andando avanti 
nel tempo tra diverse versioni.

>***Otherwise, Share Alike Means Share Alike
>
>After much very strong and eloquent argument from our readers and
>supporters, and notwithstanding the increased flexibility of Share
>Alike in the iCommons context, we decided *not* to make the BY-NC-SA
>and plain BY-SA licenses compatible. If you take a work under BY-NC-SA
>2.0 and make something new from it, for example, you can re-publish
>under BY-NC-SA Japan, or BY-NC-SA 7.4 (when that comes), but you
>cannot republish it under any other license or combine it with BY-SA
>content. Similarly, a derivative made from a work under BY-SA 2.0 may
>be published only under BY-SA 2.0, BY-SA (iCommons license), or BY-SA
>9.1, but it can't be mixed with BY-NC-SA or other noncommercial
>content and republished.
>
In altri termini Impegno a Condividere significa Impegno a Condividere
In seguito a forti e accese discussioni da parte dei nostri lettori e 
sostenitori, e nonostante l'incredibile flessibilità della "Impegno a 
Condividere" nel conteso iCommons, abbiamo deciso di non rendere 
compatibili la licenza BY-NC-SA and la licenza BY-SA semplice. Se 
prelevi un opera tutelata da BY-NC-SA e crei qualcosa di nuovo da essa, 
puoi ri-pubblicare la tua opera sotto una licenza BY-NC-SA giapponese, o 
sotto una licenza BY-NC-SA 7.4 (quando verrà), ma non puoi 
ri-pubblicarla sotto qualunque altra licenza, o mischiarla con materiale 
protetto da BY-SA semplice. Allo stesso modo un'opera derivata creata da 
un'opera tutelata da licenza BY-SA 2.0 può essere pubblicato solo sotto 
BY-SA 2.0, BY-SA (licenza iCommnos), o BY-SA 9.1, ma non può essere 
mischiata con materiale NonCommerciale o ri-pubblicata.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it