[Cc-it] Re: Deposito obbligatorio dei documenti destinati all'uso pubblico

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Mer 26 Maggio 2004 04:02:54 EDT


Martedì, 25 Mag 2004, alle 14:33 Europe/Rome, pinna ha scritto:

> "sarebbe interessante ragionare su questa proposta (assurda, per com'e'
> impostata) da un punto di vista opposto: l'archiviazione (e
> indicizzazione) di tutte le opere pubblicamente rilasciate sotto una
> licenza libera e' una cosa assolutamente auspicabile"
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-May/000394.html

Concordo con  Danilo su come i temi dell'archivizione della memoria 
storica e culturale e del suo accesso gratuito siano strettamente in 
relazione con le tematiche che riguardano CC e la condivisione della 
conoscenza.
Credo che restringere "l'archiviazione (e indicizzazione)" 
esclusivamente alle le opere pubblicamente rilasciate sotto una licenza 
libera, escludendo quelle protette da un diritto d'autore restrittivo, 
sia limitante. Credo che l'accesso gratuito anche a tutte le opere 
pubblicate a pagamento debba almeno essere gratutio per le copie 
custodite nelle due Biblioteche Nazionali e sono convinto che le 
persone che collaborano al progetto CC Italia possano e debbano 
prendere una posizione propositiva riguardante questi temi.

> inoltre, vorrei spiegare meglio il mio pessimismo:
> questa lista dovrebbe essere luogo di redazione collettiva di una
> traduzione/adattamento delle licenze CC - nonche' luogo di relazione 
> tra
> il project lead e le partner institutions da un lato, e la comunita' di
> persone interessate alle licenze dall'altro.
> secondo me questo non e' ancora avvenuto (per il primo punto si veda la
> scarsita' di contributi alle traduzione delle licenze; per il secondo,
> gli archivi della lista e i pochi esempi di interazione tra i soggetti
> coinvolti). mi sembra che non ci sia nulla di male nel riconoscere
> che questa mailin list non rappresenti (ancora?) una comunita'
> unitaria, e che il lavoro ancora da fare sia molto. di conseguenza, mi
> pare che un comunicato sarebbe poco significativo, e che dovremmo prima
> continuare a lavorare sui nostri principali obiettivi

Purtroppo devo concordare con Pinna sul mancato raggiungimento degli 
obiettivi, ma diversamente da lui non sono pessimista, anche se ne 
comprendo le perplessità.
Sono convinto che la causa principale della "scarsità di contributi 
alle traduzione delle licenze" sia una mancata incentivazione dei 
contributi volontari da parte del gruppo che ha gestito il processo di 
traduzione delle licenze. Nonostante le offerte di collaborazione 
volontaria da parte di alcuni iscritti alla lista ci siano state, anche 
se in numero non considerevole, non vi è stato nessun segno concreto 
del desiderio di coinvolgere attivamente queste persone. Le varie 
proposte di aiuto, spesso anche di legali accreditati, sono state 
lasciate morire nel silenzio. Non voglio esprimermi sulle cause, ma 
credo che ciò abbia contribuito a diffondere un'idea di chiusura che ha 
spento gli entusiasmi.
Credo che questo sia un problema a cuji sarà possibile e doveroso porre 
rimedio nelle prossime iniziative, con un atteggiamento di apertura e 
coinvolgimento e senza assurdi freni burocratici o organizzativi. In 
quest'ottica è fondamentale anche approntare gli strumenti telematici 
che potrebbero aiutarci a ottimizzare l'organizzazione, come un blog, e 
un wiki.

Critico anche il mancato coinvolgimento di altre realtà accademiche che 
avrebbero potuto partecipare con estrema competenza alla stesura della 
traduzione e alla diffusione degli ideali di Creative Commons 
all'interno degli istituti universitari.
A questo proposito avanzo la proposta di chiedere a Creative Commons di 
allargare il numero delle partner institutions a tutti quegli enti che, 
per spontaneo interesse e per competenza, si dimostreranno adatti ad 
affiacare gli attuali  due.  Invito anche i mebri della lista che hanno 
contatti interni a questi enti di provare a proporli in lista e a 
coinvolgerli. Questa azione è ancor di più fondamentale alla luce del 
rilascio della versione 2.0 delle licenze CC, che in parte invalida il 
lavoro di traduzione fin qui effettuato. Senza contare che i tempi 
impiegati finora per una traduzione e un adattamento sommari e 
incompleti evidenziano la necessità di un gruppo di lavoro più numeroso 
e attivo.

Credo inoltre che sia da abbandonare la visione limitativa di questa 
lista come luogo  esclusivamente adibito alla "redazione collettiva di 
una traduzione/adattamento delle licenze CC" e di allargare l'obiettivo 
a luogo di confronto su tutti i temi strettamente legati alle licenze 
CC nella realtà italiana. In particolare vorrei che sia un punto di 
raccolta delle idee propositive, delle domande, dei problemi e delle 
loro soluzioni, ma anche un luogo di incontro tra le persone e di 
nascita di nuove relazioni e collaborazioni proficue, nonché di 
monitoraggio del proliferare delle licenze nella scena italiana. In 
questo senso ben vengano, dal mio punto di vista, tutti i tentativi di 
trovare un accordo per esprimersi collettivamente su una questione e 
dare al gruppo un volto, un'anima e un'identità finora soffocati. Forse 
la "morte" della lista è anche dovuta alla mancanza di questa identità, 
all'incapacità dimostrata finora di prendere un decisione o assumere 
una posizione ufficiali, possibilmente in tempi brevi.
Mi stupisco che proprio Pinna, tra i membri più attivi su questi 
fronti, abbia una visione così restrittiva degli obiettivi di questa 
comunità :-)
Lavoriamo perchè questa lista perda quell'aurea gerarchica di "luogo di 
relazione tra il project lead e le partner institutions da un lato, e 
la comunita' di persone interessate alle licenze dall'altro" per 
diventare effettivamente "una comunità unitaria".

Inoltre auspico che tutti i membri di liste complementari a questa e 
interessati al tema specifico delle licenze, come Assoli o CopyWhat, 
Aiap o Illustratori italiani, la scelgano come canale specifico per le 
discussioni riguardanti le licenze libere o con alcuni diritti 
riservati. Sarebbe invece errato considerarla come un canale 
concorrente da contrastare.

A voi la parola :-)
Ciao a tutti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it