[Cc-it] prima bozza del comunicato

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Lun 24 Maggio 2004 09:56:02 EDT


Ho sentito Lorenzo, anche lui è d'accordo sulla stesura di un comunicato.
Pubblico sotto una bozza.
....aggiungete ciò che ritenete opportuno, segnalate ciò che mi è sfuggito, 
segnalate ciò che ritenete debba essere cancellato o rettificato. 

Propongo di pubblicare il comunicato che nascerà sul sito creativecommons.it
Ps: non badate a eventuali errori di battitura :-) 

Titolo:
Il deposito legale: cambiamo prospettiva. 

L'approvazione della legge del n° 106 del 15 Aprile 2004 "Norme relative al 
deposito legale dei documenti di interesse culturale destinati all'uso 
pubblico" ha determinato, in particolar modo nella realtà internet, reazioni 
tutt'altro che positive. 

Le obiezioni mosse a queste legge sono svariate e non sono certo infondate.
Tali critiche fondando su tre aspetti fondamentali:
1) La mole di dati potenzialmente implicata è spropositata.
Il tutto, come previsto dalla legge in questione, determinerebbe una 
congestione delle strutture pubbliche deputate all'archiviazione stessa e 
avrebbe come esito l'inutile sperpero di risorse, tempo e danaro: sia a 
livello pubblico, sia a livello privato.
2) Tale congestione, nonchè l'impossibilità tecnica del catalogare e dare un 
ordine a tutto il materiale archiviato, renderebbe impossibile la fruizione 
successiva delle opere stesse e il fine della legge, "conservare la memoria 
della cultura e della vita sociale italiana ", non potrebbe essere 
conseguito.
3) E' oggettivamente impossibile stabilire cosa sia "culturalmente 
rilevante" o cosa non lo sia; archiviare tutto in manera indiscriminata non 
risolve il problema. 

Non riteniamo ora opportuno soffermarci su altre implicazioni, forse meno 
evidenti ma non certo meno importanti, che l'attuazione di questa legge 
determinerebbe.
Pensiamo però che una di esse sia costituita dal un pericolo ulteriore per 
la libertà d'espressione.
Se il costo dell'archiviazione dovesse ricadere sui cittadini, in maniera 
direttamente proporzionale al costo stesso, i cittadini meno abbienti si 
troverebbero penalizzati.
Il tutto potrebbe quindi peggiorare una situazione, quella attuale e 
presente, nella quale la libertà d'espressione del singolo è tutelata e 
auspicata soltanto a parole e nella quale essa è subordinata alle 
possibilità economiche del singolo stesso. 

Cambiamo prospettiva quindi.
Noi pensiamo che la creazione di un archivio pubblico delle opere, 
consultabile gratuitamente e liberamente da tutti i cittadini (possibilmente 
anche attraverso Internet) sia un'ambizione rispettabilissima e civilissima.
Pensiamo però che tale archiviazione non debba e non possa essere imposta, 
in particolar modo per materiale che già è fruibile gratuitamente e 
pubblicamente.( Poichè appunto pubblicato sul web.) 

Crediamo inoltre che le opere archiviate debbano essere tutelate da licenze 
che ne consentano la libera fruizione per fini non commerciali e il motivo 
del nostro intervento è costituito da questo aspetto.
Pensiamo quindi che l'archiviazione di un'opera, di qualsiasi natura, debba 
essere il risultato di una scelta del suo autore, poichè il tutelare 
un'opera attraverso una licenza "libera" è il risultato di una scelta.
Se così accadesse la mole di materiale verrebbe drasticamente ridotta e la 
qualità e la valenza culturale delle opere archiviate crescerebbe di 
conseguenza. 

Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.iskida.org 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it