[Cc-it] Deposito obbligatorio dei documenti destinati all'uso pubblico

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Gio 20 Maggio 2004 09:05:52 EDT


pinna ha scritto:

>questa legge potrebbe riguardare al massimo il sito di CC
>IMHO
>
>l'archiviazione (e indicizzazione) di tutte le opere pubblicamente rilasciate sotto una licenza libera e' una cosa assolutamente auspicabile (e su cui anzi si sta lavorando su diversi fronti), se questo avviene valorizzando il fatto che l'uso di quelle opere e' libero
>  
>

Secondo me riguarda CC sotto due profili:
1) Questa legge, se opportunamente calibrata da un saggio decreto 
attuativo (da emanare entro 5 mesi) potrebbe aiutare tantissimo CC, 
oppure al contrario potrebbe 'spiazzarlo' ponendosi come monopolista 
dell'offerta di contenuti liberi, riproponendo tutti i problemi che gli 
amanti di Orwell (e della censura) conoscono bene.
2) Riguarderebbe CC soprattutto per il Founder's Copyright (scusate il 
ritardo nella trad. ma è quasi finita): perché in questo caso specifico, 
l'autore cede a CC per 1$ i diritti sull'opera, mentre CC si impegna a 
pubblicare in un catalogo on-line le opere con l'indicazione del momento 
in cui diverranno di pubblico dominio (dopo 14/28 anni). A prescindere 
dagli altri problemi legati alla contestualizzazione giuridica del 
Founder's Copyright, in questo caso CC diventa titolare dei diritti 
economici sull'opera, e potrebbe essere considerato 'responsabile della 
pubblicazione'. Se si considera che i webmaster sono soggetti ad una 
responsabilità (anche penale) parificata a quella degli editori, il 
salto interpretativo non è così scontato, ma neppure così assurdo.
Se CC ospitasse sui propri server le opere digitali soggette alla sua 
licenza, (una sorta di hosting) sarebbe con buona probabilità ritenuta 
(co-)obbligata al deposito.

> 1. I soggetti obbligati al deposito legale sono:
> a) l'editore o comunque il responsabile della pubblicazione, sia 
> persona fisica che giuridica;
> b) il tipografo, ove manchi l'editore;
> c) il produttore o il distributore di documenti non librari o di 
> prodotti editoriali similari;
> d) il Ministero per i beni e le attività culturali, nonchè il 
> produttore di opere filmiche. 

La mia intenzione era quella di lanciare un sasso e creare qualche onda, 
dato che ci sono ancora 5 mesi di tempo, sarebbe opportuno che le 
partner institutions iniziassero un dialogo con le sedi istituzionali, 
per creare delle sinergie ed evitare tanto una duplicazione degli 
sforzi, quanto uno spiazzamento dell'iniziativa privata (CC) ad opera di 
quella pubblica.

Saluti.

-Alberto Gilardi-







Maggiori informazioni sulla lista cc-it