[Cc-it] Deposito obbligatorio dei documenti destinati all'uso pubblico

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Gio 20 Maggio 2004 06:16:14 EDT


E' stata approvata una legge-delega che impone il deposito obbligatorio 
di tutti "i documenti destinati all'uso pubblico e fruibili mediante la 
lettura, l'ascolto e la visione, qualunque sia il loro processo tecnico 
di produzione, di edizione o di diffusione, ivi compresi i documenti 
finalizzati alla fruizione da parte di portatori di handicap".
Anche se non è stato ancora emanato il regolamento, sembrerebbe qualcosa 
che ha a che fare con il CC, dato che tutte le opere tutelate dalla CC 
prodotte in Italia, sarebbero soggette al deposito, e probabilmente CC 
vi sarebbe tenuto in quanto "editore o comunque il responsabile della 
pubblicazione, sia persona fisica che giuridica" ai sensi dell'art. 3 n. 
1).
il link originale è http://www.parlamento.it/parlam/leggi/04106l.htm

ps
Come giustamente ha fatto rilevare l'unione consumatori, a seguire 
un'interpretazione letterale della legge, parrebbe addirittura che il 
contenuto di tutti i siti web, blog, wiki.. debba essere depositato.
http://www.giornaletecnologico.it/dirweb/200405/14/40a1d74c064cf/

-Alberto Gilardi-

> *LEGGE 15 aprile 2004, n. 106 *(in /G.U./ n. 98 del 27 aprile 2004 – 
> in vigore dal 12 maggio 2004) *- Norme relative al deposito legale dei 
> documenti di interesse culturale destinati all'uso pubblico. *
>
> La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
>
> IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
>
> /Promulga la seguente legge:/
>
> *
>
> Art. 1.
>
> (Oggetto)
>
> *
>
> 1. Al fine di conservare la memoria della cultura e della vita sociale 
> italiana sono oggetto di deposito obbligatorio, di seguito denominato 
> "deposito legale", i documenti destinati all'uso pubblico e fruibili 
> mediante la lettura, l'ascolto e la visione, qualunque sia il loro 
> processo tecnico di produzione, di edizione o di diffusione, ivi 
> compresi i documenti finalizzati alla fruizione da parte di portatori 
> di handicap.
>
> 2. Il deposito legale è diretto a costituire l'archivio nazionale e 
> regionale della produzione editoriale, rappresentata dalle tipologie 
> di documenti di cui all'articolo 4, e alla realizzazione di servizi 
> bibliografici nazionali di informazione e di accesso ai documenti 
> oggetto di deposito legale. Dalla predetta disposizione non devono 
> derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
>
> 3. I documenti destinati al deposito legale sono quelli prodotti 
> totalmente o parzialmente in Italia, offerti in vendita o altrimenti 
> distribuiti e comunque non diffusi in ambito esclusivamente privato; 
> per quanto attiene ai documenti sonori e audiovisivi, sono destinati 
> al deposito legale anche quelli distribuiti su licenza per il mercato 
> italiano.
>
> 4. I documenti di cui al presente articolo sono depositati presso la 
> Biblioteca nazionale centrale di Firenze e la Biblioteca nazionale 
> centrale di Roma, nonché presso gli istituti individuati dal 
> regolamento di cui all'articolo 5, anche ai fini dell'espletamento dei 
> servizi di cui all'articolo 2, salvo quanto disposto dal medesimo 
> regolamento per i documenti di cui all'articolo 4, comma 1, lettere o) 
> e p).
>
> *
>
> Art. 2.
>
> (Finalità)
>
> *
>
> 1. Per consentire il raggiungimento degli obiettivi di cui al comma 2 
> dell'articolo 1, il deposito legale si riferisce specificamente:
>
> a) alla raccolta ed alla conservazione dei documenti di cui 
> all'articolo 1;
>
> b) alla produzione ed alla diffusione dei servizi bibliografici 
> nazionali;
>
> c) alla consultazione ed alla disponibilità dei medesimi documenti, 
> nel rispetto delle norme sul diritto d'autore e sui diritti connessi, 
> nonché sull'abusiva riproduzione di opere librarie;
>
> d) alla documentazione della produzione editoriale a livello regionale.
>
> *
>
> Art. 3.
>
> (Soggetti obbligati)
>
> *
>
> 1. I soggetti obbligati al deposito legale sono:
>
> a) l'editore o comunque il responsabile della pubblicazione, sia 
> persona fisica che giuridica;
>
> b) il tipografo, ove manchi l'editore;
>
> c) il produttore o il distributore di documenti non librari o di 
> prodotti editoriali similari;
>
> d) il Ministero per i beni e le attività culturali, nonchè il 
> produttore di opere filmiche.
>
> *
>
> Art. 4.
>
> (Categorie di documenti destinati al deposito legale)
>
> *
>
> 1. Le categorie di documenti destinati al deposito legale sono:
>
> a) libri;
>
> b) opuscoli;
>
> c) pubblicazioni periodiche;
>
> d) carte geografiche e topografiche;
>
> e) atlanti;
>
> f) grafica d'arte;
>
> g) video d'artista;
>
> h) manifesti;
>
> i) musica a stampa;
>
> l) microforme;
>
> m) documenti fotografici;
>
> n) documenti sonori e video;
>
> o) film iscritti nel pubblico registro della cinematografia tenuto 
> dalla Società italiana autori ed editori (SIAE);
>
> p) soggetti, trattamenti e sceneggiature di film italiani ammessi alle 
> provvidenze previste dall'articolo 20 del decreto legislativo 22 
> gennaio 2004, n. 28;
>
> q) documenti diffusi su supporto informatico;
>
> r) documenti diffusi tramite rete informatica non rientranti nelle 
> lettere da a) a q).
>
> *
>
> Art. 5.
>
> (Numero di copie e soggetti depositari)
>
> *
>
> 1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente 
> legge, con regolamento emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 2, 
> della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su 
> proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, sentite le 
> associazioni di categoria interessate, sono individuati il numero 
> delle copie e i soggetti depositari oltre a quelli previsti 
> dall'articolo 1, comma 4, della presente legge.
>
> 2. L'obbligo di deposito dei documenti è esteso a tutti i supporti sui 
> quali la medesima opera è prodotta e si intende adempiuto quando gli 
> esemplari sono completi, privi di difetti e comprensivi di ogni 
> eventuale allegato.
>
> 3. I documenti sono consegnati entro i sessanta giorni successivi alla 
> prima distribuzione.
>
> 4. Sono soggette all'obbligo del deposito le edizioni speciali, le 
> edizioni nuove o aggiornate, nonchè le riproduzioni in facsimile di 
> opere non più in commercio.
>
> 5. Con il regolamento di cui al comma 1 sono, altresì, stabiliti:
>
> a) i casi di esonero totale o parziale dal deposito dei documenti;
>
> b) gli elementi identificativi da apporre su ciascun documento;
>
> c) i criteri di determinazione del valore commerciale dei documenti, 
> ai fini della irrogazione della sanzione amministrativa di cui 
> all'articolo 7;
>
> d) gli strumenti di controllo;
>
> e) i soggetti depositanti e gli istituti depositari per particolari 
> categorie di documenti;
>
> f) le modalità per l'applicazione della sanzione amministrativa, 
> nonché le eventuali riduzioni, di cui all'articolo 7;
>
> g) speciali criteri e modalità di deposito, anche annuale, dei 
> documenti di cui all'articolo 4, comma 1, lettere h), q) e r);
>
> h) i criteri e le modalità di deposito dei documenti di cui 
> all'articolo 6.
>
> *
>
> Art. 6.
>
> (Altre fattispecie di deposito)
>
> *
>
> 1. Fermo restando l'obbligo di deposito legale di cui all'articolo 1, 
> le biblioteche del Senato della Repubblica, della Camera dei deputati, 
> del Ministero della giustizia, delle regioni e delle province autonome 
> di Trento e di Bolzano possono richiedere l'invio, che è obbligatorio 
> da parte dei soggetti richiesti, di pubblicazioni ufficiali degli 
> organi dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni e degli 
> enti pubblici, anche realizzate da editori esterni ai suddetti soggetti.
>
> 2. Oltre a quanto previsto nel comma 1, gli organi dello Stato, le 
> regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, gli enti locali 
> e ogni altro ente pubblico, anche economico, sono tenuti a inviare, a 
> richiesta, alla biblioteca del Senato della Repubblica, alla 
> biblioteca della Camera dei deputati e alla biblioteca centrale 
> giuridica del Ministero della giustizia, un esemplare di ogni altra 
> pubblicazione edita da loro o con il loro contributo.
>
> 3. Ferme restando le finalità di cui agli articoli 1 e 2, i soggetti 
> obbligati al deposito sono tenuti ad inviare alla biblioteca centrale 
> del Consiglio nazionale delle ricerche una copia dei documenti, dalla 
> stessa richiesti, anche in forma cumulativa, e strettamente inerenti 
> alle aree della scienza e della tecnica.
>
> * *
>
> *Art. 7.*
>
> *(Sanzioni)*
>
> 1. Chiunque viola le norme della presente legge è soggetto ad una 
> sanzione amministrativa pecuniaria pari al valore commerciale del 
> documento, aumentato da tre a quindici volte, fino ad un massimo di 
> 1.500 euro.
>
> 2. Il pagamento della sanzione non esonera il soggetto obbligato dal 
> deposito degli esemplari dovuti.
>
> 3. La sanzione amministrativa di cui al comma 1 è ridotta ad una 
> misura compresa tra un terzo e due terzi qualora il soggetto obbligato 
> provveda al deposito degli esemplari dovuti successivamente alla 
> scadenza del termine previsto dalla presente legge, semprechè la 
> violazione non sia ancora stata contestata.
>
> *
>
> Art. 8.
>
> (Abrogazioni)
>
> *
>
> 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui 
> all'articolo 5 sono abrogati:
>
> a) la legge 2 febbraio 1939, n. 374, come modificata dal decreto 
> legislativo luogotenenziale 31 agosto 1945, n. 660;
>
> b) il regolamento di cui al regio decreto 12 dicembre 1940, n. 2052;
>
> c) l'articolo 23 del decreto legislativo luogotenenziale 1° marzo 
> 1945, n. 82.
>
> La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella 
> Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. È 
> fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare 
> come legge dello Stato.
>
> Data a Roma, addì 15 aprile 2004.
>
> CIAMPI
>
> Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri
>
> Urbani, Ministro per i beni e le attività culturali
>
> Visto, il Guardasigilli: Castelli
>
> *
>
> LAVORI PREPARATORI
>
> *
>
> Senato della Repubblica (atto n. 894):
>
> Presentato dal Ministro per i beni e le attività culturali (Urbani) il 
> 27 novembre 2001.
>
> Assegnato alla 7ª commissione (Istruzione pubblica, beni culturali), 
> in sede deliberante, il 18 dicembre 2001, con il parere delle 
> commissioni 1ª, 2ª, 5ª, 10ª e
>
> Parlamentare per le questioni regionali.
>
> Esaminato dalla 3ª commissione il 23 e 29 gennaio 2002; 27 febbraio 
> 2002; 27 marzo 2002; 29 maggio 2002.
>
> Nuovamente assegnato alla 7ª commissione, in sede referente, il 29 
> maggio 2002 con parere delle commissioni 1ª, 2ª, 5ª, 10ª, e 
> Parlamentare per le questioni regionali.
>
> Esaminato dalla 7ª commissione, in sede referente, il 29 maggio 2002.
>
> Presentata la relazione il 25 giugno 2002 (atto n. 894 e 1057/A - 
> relatore sen. Delogu).
>
> Nuovamente assegnato alla 7ª commissione, in sede deliberante, il 2 
> aprile 2003 con il parere delle commissioni 1ª, 2ª, 5ª, 10ª e 
> Parlamentare per le questioni regionali.
>
> Esaminato dalla 7ª commissione, in sede deliberante, il 9 aprile 2003, 
> l'11 giugno 2003; il 2 luglio 2003 e approvato il 31 luglio 2003.
>
> Camera dei deputati (atto n. 4258):
>
> Assegnato alla VII commissione (Cultura, scienza e istruzione), in 
> sede referente, il 4 settembre 2003, con pareri delle commissioni I, 
> II e V.
>
> Esaminato dalla VII commissione, in sede referente, il 1°, 2, 7, 8 e 
> 14 ottobre 2003; 27 gennaio 2004.
>
> Assegnato nuovamente alla VII commissione, in sede legislativa, il 10 
> febbraio 2004.
>
> Esaminato dalla VII commissione, in sede legislativa, il 12 febbraio 
> 2004, 2 marzo 2004 e approvato con modificazioni il 10 marzo 2004.
>
> Senato della Repubblica (atto n. 894/B):
>
> Assegnato alla 7ª commissione (Istruzione pubblica, beni culturali), 
> in sede deliberante, il 16 marzo 2004 con pareri delle commissioni 1ª, 
> 2ª, 5ª e Parlamentare per le questioni regionali.
>
> Esaminato dalla 7ª commissione il 24 marzo 2004 e approvato il 31 
> marzo 2004.
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it