R: [Cc-it] Chi ruba il sapere a chi?

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 9 Maggio 2004 17:21:52 EDT


Rigiro la tua mail e i miei commenti a Marco Calvo di LiberLiber e a 
Gianfranco Faillaci di Scuola online, che credo possano essere molto 
interessati alla tua proposta.
Spero nasca una florida collaborazione.

Martedì, 4 Mag 2004, alle 20:09 Europe/Rome, Maurizio Postiglione ha 
scritto:

> Dunque,
> anzitutto chiedo scusa per la lentezza con cui do segni di vita...
>
> Da tempo avevo elaborato un'idea che potrebbe, se appoggiata, dare un
> valido supporto, soprattutto per la questione universitaria.
>
> È ben nota la difficoltà di numerosi studenti riscontrata nel coprire i
> costi di libri, che troppo spesso hanno prezzi che sono appannaggio 
> solo
> di ceti più abbienti.
>
> Anche nel campo scientifico/tecnico il problema si manifesta,
> inesorabilmente.
> E se il fatto che un libro di analisi matematica riporti informazioni
> indiscutibili ed universalmente riconosciute, il problema ritorna a
> farsi sentire sotto l'insano spettro delle metodologie.
>
> Non sono pochi i corsi in cui vengono indicati libri come 
> "preferiti"...
> perché pur essendo la materia non soggetta ad opinioni o versioni, le
> metodologie applicate e la lista degli argomenti trattati è 
> riconosciuta
> dal docente di turno come "quella giusta"....
>
> Il docente di Analisi Matematica del primo corso di Ingegneria
> Informatica, può, così, "imporre" (virtualmente) un testo, accampando
> scuse sulla lista degli argomenti o sulle metodologie trattate.
>
> La mia idea sarebbe quella di creare una associazione (come LiberLiber,
> o far appoggiare da LiberLiber l'iniziativa) che impieghi alcuni
> volontari (chiaramente preparati) alla scrittura di libri
> tecnici/scientifici (Analisi Matematica, Fisica, Informatica) che
> riportino gli argomenti seguendo una linea guida che gli permetta di
> essere validi sostituti per alcuni testi. In pratica l'associazione
> rilascerebbe un marchietto che indica che "conferma a suo parere" la
> validità del testo... il testo riporterebbe la lista di alcuni testi 
> nei
> quali sono riportati gli stessi argomenti in maniera analoga (in
> sostanza è come dire che tali testi, anche se a pagamento sarebbero
> possibili sostituti del nostro testo gratuito... questo perché gli
> argomenti e le metodologie sono le stesse...)...
> Questo porterebbe automaticamente i nostri testi ad essere validi
> sostituti dei testi a pagamento.... e LiberLiber (o la nuova
> associazione) rilascerebbe, come detto, la sua "Approvazione Testo"....
> Non rientrando in una violazione dei diritti (argomenti e metodologie
> uguali)... non vi è nulla di scorretto.
> NON È UNA DISTRIBUZIONE GRATUITA DI COPIE DEI LIBRI A PAGAMENTO
> MA UNA PRODUZIONE DI PRODOTTI ALTERNATIVI IN CUI SI SEGNALA QUALI
> PRODOTTI SI POSSONO EVENTUALMENTE SOSTITUIRE...
>
> Come avviene per i medicinali generici che sostituiscono quelli di
> marchio....
>
>
> Che ne dite?

Ritengo la tua proposta molto interessante. Gli stessi studenti 
potrebbero contribuire alla modifica dei testi liberi aumentandone la 
comprensibilità senza ridurre la qualità dell'informazione, ad esempio 
aggiungendo esempi chiarificatori per i temi più complessi.
Un strumento internet come un wiki sarebbe ideale per la stesura e la 
revisione dei testi, che potrebbero poi essere "validati" 
dall'associazionee rilasciati in versioni approvate e consigliate.
Vorrei farti presente che attualmente Scuola online 
http://scuolaonline.wide.it/ sta portando avanti un progetto simile 
riguardante i testi per le scuole superiori.

Creare una nuova associazione forse sarebbe superfluo.
A mio parere LiberLiber sarebbe l'associazione più adatta a promuovere 
e diffondere una simile iniziativa, data la sua fama e visibilità sul 
territorio italiano. Sarebbe ottimo l'appoggio sia di Creative Commons 
che del Ministero della Pubblica Istruzione.
Sarebbe poi ottimo trovare una casa editrice (o formare un consorzio di 
case editrici) disposta a finanziare la redazione delle opere e a 
pubblicarle sotto licenza libera sia su carta stampata che sulla rete 
(ad esempio mi vengono in mente Carocci per i testi universitari e 
Dante Alighieri per quelli delle scuole superiori a cui potrei fin da 
subito proporre l'idea per vedere la reazione. Anche Stampa Alternativa 
potrebbe forse essere interessata).
Potremmo iniziare a muoverci in queste direzioni.

Fatemi sapere cosa ne pensate.
Attendo commenti e proposte.

Saluti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it