[Cc-it] Re: Bozza di traduzione della pagina LEGAL

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Mer 5 Maggio 2004 06:00:41 EDT


Ok, segnalata nella pagina traduzioni
http://www.creativecommons.it/traduzioni.html 

La traduzione mi pare molto ben fatta.
Un solo appunto: non c'è bisogno di formattare...comunque è ok.
Copio e incollo le tue note perchè non sono giunte nell'archivio online. 

Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it 

Note di Alberto Gilardi alla traduzione della pagina "legal" su 
creativecommons.org
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-May/000353.html 

Ecco una prima bozza di traduzione della pagina LEGAL, naturalmente ogni 
commento/correzione sarà il benvenuto.
Le difficoltà maggiori di questa pagina (a mio avviso) erano legate alla 
traduzione dei termini "commons" e "trust"; nelle righe che seguono ho 
cercato di motivare la mia traduzione. 

Il primo termine ("commons") sembra essere usato per far riferimento a 
quelli che in Economia si definiscono "beni pubblici". 

Think of public streets, parks, waterways, outer space, and creative works 
in the public domain — all of these things are, in a way, part of the 
commons. 

Tuttavia nella Scienza delle Finanze si distingue tra beni pubblici puri 
(cioè a consumo non escludibile, ad es. un faro, la difesa) e beni pubblici 
impuri (cioè a consumo escludibile, ad es. una rappresentazione teatrale, 
una strada a pedaggio congestionata).
Gli esempi riportati nella pagina sembrano riferirsi solo a beni pubblici 
puri, quindi si potrebbe essere tentati di tradurre "commons" con "beni 
pubblici", o "beni pubblici puri".
Ma le opere dell'ingegno non vengono attualmente ricomprese in questa 
categoria (ad eccezione delle opere di pubblico dominio), inoltre quando si 
fa riferimento a beni pubblici puri, di solito (nel linguaggio 
giuridico-economico italiano) si intende quei beni la cui produzione deve 
essere demandata allo Stato, e i cui costi devono essere coperti dalle 
imposte.
Per evitare tali fraintendimenti ho pertanto deciso di tradurre "commons" 
con "patrimonio comune".
Non ho tradotto "commons" con il più generico "beni comuni", perché 
nell'originale inglese sembra esserci un'idea di indivisione, di 
universalità, che mi è sembrato possibile rendere solo attraverso l'uso del 
termine "patrimonio".
Inoltre mi pare che l'espressione diffusa "patrimonio comune dell'umanità" 
spesso riferita a opere d'arte, sia molto vicina in Italiano al concetto 
espresso dal CC.
Pertanto la frase: 

Related to the public domain is the more general idea of "the commons" — 
resources that are not divided into individual bits of property but rather 
are jointly held so that anyone may use them without special permission.
è stata tradotta: 

Collegata al concetto di dominio pubblico c'è l'idea più generica di 
“patrimonio comune” — cioè di risorse che non sono suddivise in singoli 
frammenti di proprietà, ma al contrario sono mantenute indivise, cosicché 
chiunque possa goderne senza bisogno di uno speciale permesso. 

Il secondo termine ("trust") si riferisce ad un istituto giuridico 
tipicamente anglosassone, che non ha un corrispondente nell'ordinamento 
giuridico italiano. 

[...] we will also build an "intellectual property conservancy." Like a land 
trust or nature preserve, the conservancy will serve to protect works of 
special public value from exclusionary private ownership and from 
obsolescence due to neglect or technological change. We will encourage 
people to donate their works to Creative Commons to be held in public trust 
[...];
è stata tradotta:
[...] costruiamo anche una “riserva di proprietà intellettuale”. Come una 
riserva naturale, servirà a proteggere opere di particolare valore pubblico 
dalla esclusività della proprietà privata e dall'obsolescenza dovuta 
all'incuria e ai mutamenti tecnologici. Incoraggeremo la donazione di opere 
al Creative Commons perché siano parte di un patrimonio pubblico [...]; 

Omettendo quindi l'esemplificazione legata al "land trust", dato che non era 
necessaria alla comprensione della frase e rischiava di appesantire e di 
rendere più difficile la comprensione; e traducendo l'espressione "public 
trust" con "patrimonio pubblico" privilegiando ancora una volta la 
comprensibilità del testo complessivo a scapito dell'esattezza giuridica. 

un saluto 

 -Alberto Gilardi-



Maggiori informazioni sulla lista cc-it