[Cc-it] CC e Stampa Alternativa

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Ven 18 Giu 2004 06:41:48 EDT


Ho parlato nuovamente con Baraghini.
Per iniziare mi chiederebbe:
- 2 cartelle che spieghino con un linguaggio chiaro e semplice il 
fuzionamento delle licenze CC.
- una serie di esempi pratici di applicazione delle licenze alle opere 
testuali. In particolare come dovrebbe configurarsi il rapporto 
autore-editore? I diritti di sfruttamento economico resterebbero 
all'autore o andrebbero all'editore (con quali modalità)?
Cerchiamo di capire come si sono comportati Cory Doctorow e Lawrence 
Lessig? Altri casi? In Italia?
Proponiamo una serie di scenari possibili?

Creso sia più sensato programmare un incontro con lui dopo questa prima 
fase, una volta informato sui concetti base.
Così avremmo qualcosa di più concreto di cui discutere.
Cosa ne pensate? :-)
Ciao,
Lorenzo

Venerdì, 18 Giu 2004, alle 12:02 Europe/Rome, Lorenzo De Tomasi ha 
scritto:

>
> Venerdì, 18 Giu 2004, alle 11:51 Europe/Rome, pinna ha scritto:
>
>> Lorenzo De Tomasi, Fri, Jun 18, 2004 at 11:20:17AM +0200:
>>> Ho parlato con Marcello Baraghini di Stampa Alternativa.
>>> Avrebbe intenzione di rilasciare alcuni libri sotto licenze CC.
>>> Per permettergli sia di informare e sensibilizzare la redazione che 
>>> di
>>> attuare praticamente questo suo progetto, mi chiede:
>>> - materiale informativo in italiano sulle Creative Commons, che possa
>>> far comprendere chiaramente ai non addetti ai lavori il funzionamento
>>> delle licenze.
>>
>> gli articoli gia' pubblicati non possono tornare utili?
>> le interviste apparse sulle riviste, i testi di danilo su
>> attivista.com...se possiamo riutilizzare quello che abbiamo
>> gia' fatto, ottimizziamo l'uso delle nostre scarse energie
>
> Esatto, iniziamo a buttare giù un sommario?
> Poi un copia e incolla provvisorio da revisionare?
>
>>> - un HOW TO chiaro e completo per un editore che vorrebbe permettere 
>>> a
>>> un autore di scegliere una licenza CC sotto cui distribuire una sua
>>> opera.
>>
>> se non conosciamo bene l'attivita' di un editore non possiamo farlo da
>> soli e dargli un HOWTO completo e finito
>> forse dovremmo invece lavorare assieme a lui e capire di quali
>> informazioni ha specificamente bisogno e di quali e' gia' in possesso.
>
> Certo, credo che lui sia disponibile. Lo sento nuovamente e chiedo.
>
>> secondo me l'editore non deve fare altro che comprendere il 
>> significato
>> della licenza. afferrato questo, non avra' particolari procedure da
>> compiere, dovra' solo inserire il riferimento alla licenza come
>> normalmente si fa con le classiche diciture sul copyright.
>
> Concordo. Infatti, il nostro lavoro è principalmente divulgativo. 
> Dovremmo produrre qualcosa che gli renda chiaro il funzionamento delle 
> Ccpl e che lui possa usare per convincere gli altri membri della casa 
> editrice.
>
>>> Riusciamo a rispondere in breve tempo a queste sue richieste?
>>> Iniziamo a lavorarci fin da subito?
>>> Prendiamo i testi già tradotti e confezioniamo un libretto?
>>
>> ...eh, la peppa!...piu' che rispondere a singole richieste dovremmo
>> preparare dei testi standard generali, cosi' poi non dobbiamo
>> reinventare ogni volta la ruota. questa e' certo un'ottima occasione,
>> comunque :)
>
> Infatti è un'ottima occasione. Dovremmo produrre qualcosa che possa 
> essere utile a tutte le case editrici interessate a valutare 
> l'adozione delle Ccpl.
> Chi è disponibile (oltra a me e a Pinna)?
>
> Ciao,
> Lorenzo
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it