[Cc-it] Pubblicazione CD con licenza CC (era CC su Musica... )

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 13 Giu 2004 04:47:28 EDT


Domenica, 13 Giu 2004, alle 02:44 Europe/Rome, scarph a autistici.org ha 
scritto:

> Allora, provo a spiegarvi meglio la questione :
> le tracce del CD in questione sono gia' pubblicate sul web con licenza 
> cc
> all'url
> http://www.inventati.org/inventa/giardino.html
> si tratta di materiale che risale alla fine degli anni ottanta e che e'
> diventato negli anni, grazie a scambi di cassette, fra appassionati un
> piccolo cult del genere.

Non appena torno in ufficio, dove ho fastweb, scarico e ascolto :-)
Mi hai incuriosito.

> Ora l'idea di pubblicarlo nei negozi non e' nostra.
> A noi va' gia' piu' che bene il discorso della web-label.
> Ce lo ha proposto una piccola etichetta che si sta occupando di 
> stampare
> su CD materiali che negli anni non hanno mai visto una pubblicazione, 
> ma
> che comunque godono di un certa, seppur di nicchia, notorieta'.
> E' un'operazione quindi di culto, per appassionati del genere, che, 
> come
> dice Lorenzo, magari hanno voglia di possedere l'oggetto della loro
> bramosia musicofila.
> Allora il discorso che volevamo fare era:
> e' scontato che per pubblicare un CD nei negozi e' necessario pagare e
> marchiarli col bollino della SIAE, ma perche' invece di fare la solita
> uscita regolare, non provare a utilizzare l'occasione per portare 
> avanti i
> discorsi che gia' facciamo con la web label?
> Cioe' pubblicare un CD con licenza CC.
> E spiegare a chi lo compra che cos'e' una licenza CC, a cosa serve, e
> perche' abbiamo deciso di fare quest'operazione.
> Muoversi in una direzione che tende a creare un precedente anti-SIAE 
> che
> possa essere utilizzato anche da altri.
> Secondo voi e' possibile farlo?

Secondo me si, anche se non sono un legale e non saprei come fare 
esattamente.
Ma in questa lista di gente che si intende di diritto ce n'è un po': il 
gruppo delle partner institution e un po' di studenti e avvocati.
Spero che nasca l'entusiasmo e la voglia di buttar giù un "HOW TO" (per 
dirla in inglese), un manuale di istruzioni per i musicisti (e per 
tutti gli autori) che vogliono pubblicare con "alcuni diritti 
riservati" le proprie opere, gratuitamente, ma senza escludere la 
possibilità di guadagnare grazie a quelle perrsone che sono comunque 
bramose di un oggetto materiale (come il cd) o comunque sono desiderose 
di finanziare gli autori che producono le opere che apprezzano.
Io metto a disposizione le mie competenze di designer della 
comunicazione e grafico.

> Cioe' una volta pagato il fatidico bollino e' possibile utilizzare per 
> una
> pubblicazione su CD una licenza CC e, da un lato, evitare le forme
> classiche di copyright, dall'altro dimostrare che e' possibile fare a 
> meno
> della SIAE, al di la' del bollino, che a questo punto diventa una 
> specie
> di obolo sul supporto, ma che non gli da voce in capitolo sul diritto
> d'autore?

Sarei poi curioso di capire chi vuole iniziare a vendere autonomamente 
i propri cd (o qualsiasi opera riproducibile) quali "operazioni" deve 
compiere per agire nella legalità e quali spese ciò comporta. Questa 
può essere una buona occasione. Che ne dite ragazzi? Voi e la piccola 
casa discografica ve la sentite di redarre un piccolo riassunto delle 
"operazioni" e dei costi?

> Raccontare che esistono forme alternative al diritto d'autore che 
> chiude
> le possibilita' di diffusione di un'opera, dire a tutti che e' 
> possibile,
> scambiarsela, modificarla, farne cio' che piu' gli pare?
> Grosso modo l'idea era questa.
> Mi sembra di aver capito che le traduzioni in italiano delle licenze
> saranno pronte a settembre.

Si, ma non credo sia necessario aspettare settembre (anche se comunque 
è vicino). Se non errò la versione "general" delle licenze dovrebbe 
fornire abbastanza tutela anche in Italia, ma su questo vorrei che le 
Partner institution (o chi ha abbastanza competenze) ci forniscano 
maggiori certezze.

> E' possibile, per quella data, spiegare a chi comprera' questo CD che, 
> un
> volta pagato l'obolo del bollino, per il resto la SIAE puo' andare a 
> farsi
> fottere? Che non c'e' alcuna necessita' di iscriversi, di registrare le
> proprie opere, e via discorrendo, perche' ognuno si sceglie la sua 
> licenza
> e decide di fare cio' che meglio crede?
> Salutoni a tutti

Me lo auguro :-)
Copyzero e le licenze CC già un primo passo.
Il software libero è il punto di partenza per comprendere come 
affrontare la questione bollino: siamo in contatto con alcuni 
partecipanti al gruppo che ha scritto il loro HOW TO.
Formiamo un bel gruppo e diamoci da fare.

Ciao e a presto,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it